È stato un weekend difficile quello di fine aprile per la rete di canali televisivi dedicati ai più giovani Cartoon Network. Mentre in Italia si festeggiava la festa della liberazione del 25 aprile, in brasile una coppia di hacker è infatti riuscita a introdursi all'interno di almeno una dozzina di versioni internazionali del sito dell'emittente, prendendo il controllo di parti delle relative pagine e modificandole inserendo al loro interno video che con la programmazione originale non avevano niente a che fare.

Alcuni dei dettagli sulla notizia li hanno diffusi gli stessi hacker, e stando a ZDNet le segnalazioni dei malfunzionamenti sono arrivate sia dall'Italia che da Regno Unito, Ungheria, Romania, Germania, Russia, Polonia, Repubblica Ceca, Danimarca, Norvegia, Paesi Bassi, Turchia, Messico e Brasile, oltre che da diversi paesi delle regioni africane e mediorientali. L'aspetto dei siti coinvolti è rimasto per lo più immutato, ma a cambiare sono stati i contenuti video ospitati: al posto dei regolari show creati e distribuiti da Cartoon Network, alla pressione del tasto play nell'apposita finestra di riproduzione venivano visualizzati meme di varia origine, video hip-hop e perfino la performance di uno spogliarellista brasiliano, a sua volta divenuto famoso in Rete dopo aver ispirato una serie di meme che lo ritraggono.

Stando a quanto dichiarato dagli stessi hacker, l'operazione è stata possibile sfruttando una vulnerabilità che non ha dato loro accesso completo al sito, ma semplicemente all'infrastruttura del dedicata al caricamento dei contenuti; tanto è bastato affinché i due potessero eliminare dalla loro posizione originale i file video dei cartoni animati sostituendoli con alternative a loro piacimento. Nonostante la violazione sia avvenuta il 25 aprile, stando alla versione dei fatti fornita dall'editore di Cartoon Network a ZDNet, quest'ultimo ha ricevuto le prime segnalazioni solo al termine del weekend, il 28; a quel punto le versioni del sito coinvolte sono state temporaneamente disattivate per rimuovere i video illegittimi e riportare i contenuti originari al proprio posto.