Si chiama "Your Progress Will Be Saved" (i tuoi progressi saranno salvati) ed è la prima parte di un nuovo progetto del Manchester International Festival chiamato "Virtual Factory", di fatto una mostra d'arte contemporanea realizzata attraverso gli strumenti messi a disposizione da Fortnite nella sua modalità creativa. È un parallelo della The Factory che l'organizzazione sta realizzando realmente ed è accessibile da tutti i giocatori dell'ormai famoso videogioco di Epic Games. L'installazione di debutto è stata realizzata da LaTurbo Avedon, un artista e curatore la cui immagine è sempre stata nascosta da un avatar digitale.

"Il progetto di LaTurbo Avedon è tutto ciò che deve essere The Factory" ha spiegato Mark Ball, direttore artistico del MIF. "Un luogo dove nuove forme artistiche ed esperienze vengono create, vissute e apprezzate da un'audience molto varia". L'esperienza realizzata all'interno di Fortnite prevede il passaggio attraverso varie stanze e ambienti dove collezionare memorie, rappresentate da oggetti luccicanti che indicheranno altrettanti oggetti da ispezionare, i quali restituiranno frasi criptiche. Muovendosi all'interno dell'installazione le varie scene cambieranno man mano, offrendo la possibilità di esplorare ambientazioni via via sempre differenti.

"Osserverai riflessi all'interno di Virtual Factory" ha spiegato Avedon. "Dalla mimesi dei luoghi ai riflessi del motore di gioco. Poiché gran parte del mondo è alle prese con una situazione culturale di immaterialità, Your Progress Will Be Saved riflette la tensione dell'essere soli online, insieme". Quello di Avedon è solo il primo lavoro di una serie che il MIF pubblicherà nel corso delle prossime settimane. Visitare questo spazio virtuale è semplice: basta possedere Fortnite e utilizzare il codice creatore 1248 2128 4287 nella modalità creativa.