4 Giugno 2019
13:40

Chi chiede un visto per gli Stati Uniti dovrà fornire i propri account social

L’obbligo è rivolto ai richiedenti di visto immigrante o non immigrante, ma per il momento esclude i cittadini dei paesi appartenenti al Visa Waiver Program che richiedono un visto breve. Sarà possibile non immettere alcuna piattaforma, ma gli addetti promettono controlli incrociati e conseguenze per chi mente.
A cura di Lorenzo Longhitano

Era nell'aria da tempo, ma da oggi è una realtà: i viaggiatori che intendono recarsi negli Stati Uniti e avranno bisogno di fare domanda per il relativo visto dovranno obbligatoriamente fornire al governo USA un'altra serie di dati oltre a quelli normalmente richiesti dal dipartimento per la sicurezza interna del Paese: si tratta degli identificativi dei propri account social, che a detta delle autorità serviranno agli addetti a scandagliare i profili dei richiedenti in cerca di potenziali affiliazioni a organizzazioni terroristiche o altri indizi di pericolosità.

A chi è rivolto l'obbligo

Già nello scorso biennio sono stati sottoposti all'obbligo i cittadini transitati da territori ad alto rischio terroristico, ma ora la richiesta è stata estesa a tutti coloro che richiedono un visto immigrante o non immigrante. Per il momento la disposizione risparmia i cittadini dei Paesi appartenenti al Visa Waiver Program (tra i quali figura l'Italia) che richiedono un visto breve attraverso la compilazione del formulario elettronico ESTA. In realtà è dal 2016 che a questa categoria di richiedenti viene chiesto di inserire i dati relativi ai propri account social, ma la compilazione di quella sezione del modulo è sempre stata facoltativa e per il momento rimane tale.

Cosa andrà dichiarato

Stando alle nuove disposizioni, i richiedenti che rientrano nelle categorie elencate dovranno specificare gli account univoci legati a tutte le più note piattaforme social utilizzate negli ultimi anni – da Facebook a Instagram, passando per Twitter e persino per l'ormai defunto Google+ – ma presto verrà concessa ai richiedenti la possibilità di aggiungere altre piattaforme. È anche possibile far notare di non essere presenti su alcuna piattaforma, ma eventuali discrepanze solleverebbero sospetti e – riferisce The Hill che per primo ha dato la notizia – porterebbero a conseguenze "gravi" ma non meglio specificate sull'esito della procedura.

Huawei: tagli al personale negli Stati Uniti
Huawei: tagli al personale negli Stati Uniti
Perché le vere vittime del caso Huawei potrebbero essere le aziende degli Stati Uniti
Perché le vere vittime del caso Huawei potrebbero essere le aziende degli Stati Uniti
Gli Stati Uniti accusano Huawei di frode bancaria e di furto di segreti commerciali
Gli Stati Uniti accusano Huawei di frode bancaria e di furto di segreti commerciali
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni