23 Novembre 2020
16:09

Chi è Bilal Göregen, il percussionista di strada protagonista del meme con il gatto che balla

Su TikTok ormai è praticamente onnipresente sotto forma di meme, e il brano che interpreta era diventato virale quando ancora il concetto di viralità online non era neppure così ben chiaro in mente al grande pubblico. Lui però in patria è conosciuto da almeno 11 anni grazie alla partecipazione a un talent show.
A cura di Lorenzo Longhitano

Fino a poco tempo fa nessuno al di fuori della Turchia sapeva con precisione chi fosse, eppure su TikTok e su YouTube sta ormai macinando milioni e milioni di visualizzazioni con le sue esibizioni per batteria e voce: si tratta di Bilal Göregen, un vero e proprio fenomeno social che grazie alle sue performance di strada sta bruciando le poche tappe che ancora lo separano dal trasformarsi in un vero e proprio idolo dei social.

Göregen è un musicista di strada di 32 anni specializzato in cover di grandi successi basate su percussioni e voce: di nazionalità turca, l'artista in patria non è una celebrità di spicco, ma è comunque conosciuto da anni a livello nazionale. Nel 2009 Göregen ha portato infatti le sue esibizioni sul palco della prima stagione della variante turca del format internazionale Got Talent: le sue abilità di percussionista e cantante hanno ammaliato i giudici e il pubblico fino a portarlo in finale e riconoscergli una visibilità che non è andata sprecata.

A svariati anni dalla sua esperienza sulla televisione nazionale turca, la carriera del musicista è sbarcata sulla piattaforma di condivisione YouTube, dove il suo talento unito alla simpatia e alla capacità di adattarsi al linguaggio e ai gusti dei social gli sono valsi negli anni un seguito modesto ma leale. A partire dal suo debutto online nel 2017, alcuni video di Göregen hanno mostrato il potenziale per trasformarsi in vere e proprie hit, ma la notorietà planetaria l'ha probabilmente raggiunta con una sua versione di una vecchia canzone popolare finlandese a sua volta diventata un meme ante litteram: Ievan Polkka.

Il brano era a sua volta diventato virale alla fine degli anni 2000, quando la versione registrata nel 1995 dal quartetto vocale finlandese Loituma è stata fusa insieme a una gif che ritraeva il personaggio Orihime Inoue dell'opera di animazione giapponese Bleach in una animazione a ciclo continuo. La clip, riproducibile in un ciclo infinito, risultava ipnotica e irresistibile, tanto da aver conferito alla canzone una inedita notorietà a livello globale. Con la sua reinterpretazione, da diverse settimane Göregen sta donando alla Ievan Polka una vera e propria terza giovinezza, traendone in cambio un successo senza precedenti.

La clip originale con il brano reinterpretato su YouTube risale in realtà al 2018, ma in un'altra, più recente versione del video è stata aggiunta in primo piano la gif del vibing cat – un altro meme che viene utilizzato principalmente unito ad altri contesti, come appunto quello scelto per sé dal percussionista turco. L'effetto straniante, a metà strada tra l'assurdo e l'ipnotico, scaturito dall'unione tra gli elementi ha reso popolare il video fino a farlo diventare esso stesso un meme, che viene a oggi utilizzato su TikTok e altri social per descrivere le situazioni più disparate. Göregen nel frattempo sta continuando a esibirsi portando su YouTube nuovi brani, apprezzati ormai da una media di centinaia di migliaia di spettatori con picchi di oltre due milioni.

 
Il percussionista di strada con il gatto che balla: ecco chi è Bilal Göregen, protagonista del meme
Il percussionista di strada con il gatto che balla: ecco chi è Bilal Göregen, protagonista del meme
237 di Videonews
I meme di Sad Keanu, il protagonista di Matrix seduto sulla panchina
I meme di Sad Keanu, il protagonista di Matrix seduto sulla panchina
14.415 di Viral Tech
I meme del gatto che tossisce, che ora è diventato il gatto francese
I meme del gatto che tossisce, che ora è diventato il gatto francese
59.635 di Viral Tech
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni