103 CONDIVISIONI
14 Giugno 2013
12:19

CODOQU arriva il primo social network italiano finanziato dal crowdfunding

Un aggregatore sociale, un’idea che vuole restituire linfa vitale per le relazioni interpersonali e la comunicazione. Un modo semplice ed efficace per rendere rapidamente accessibile o condivisibile un evento.
A cura di Bruno Mucciarelli
103 CONDIVISIONI

Viviamo in un'epoca in cui Facebook ha avuto un impatto enorme con importanti cambiamenti nel nostro modo di socializzare, comunicare e interagire con gli altri. Il Social Network non è altro che una piattaforma informatica e di connessione che favorisce e accelera le relazioni sociali presentandosi come una grande piazza telematica, dove si può trovare di tutto. Mentre questo è un bene per la libertà di pensiero e di stampa, dall'altra parte non è sempre informazione di qualità.

Nasce da qui il progetto CODOQU, un aggregatore sociale, un'idea che vuole restituire linfa vitale per le relazioni interpersonali e la comunicazione. Una linfa vitale fatta di cultura e di condivisione della conoscenza, incontro e di dialogo "reale" tra gli individui. Una rete sociale che direttamente dal web tira fuori dal mondo virtuale attraverso eventi sociali per riscoprire l'efficacia di una socializzazione tangibile che solo in quanto tale è in grado di garantire rapporti reali, unici e duraturi, ma soprattutto costruttivi per la vita di ognuno di noi e per la società in cui viviamo.

Quattro ragazzi con le idee ben chiare: rivoluzionare il modo di interagire e socializzare con gli altri, amici o no. Una rivoluzione che vuole partire da ciò che più sociale non si può e cioè gli eventi che ogni giorno animano le nostre città.

Concerti, spettacoli, mostre, flashmob, sagre, fiere ma anche eventi di beneficenza, Codoqu sarà questo ed altro. Tutto a portata di click e pronto per tirare fuori dal mondo virtuale chiunque e condividere passioni, interessi e curiosità: insomma, la rete per uscire dalla rete e ritrovarsi con qualcosa da raccontare, con un'esperienza da condividere. Ciò che rende interessante, oltre a questo, il progetto è il fare appello al crowdfunding per mobilitare e canalizzare persone e risorse. L’intento è quello di sfruttare al meglio la campagna di raccolta fondi http://igg.me/at/codoqu/x/1619309 per ottenere un finanziamento destinato al raggiungimento, quanto prima, di una versione funzionante al 100% del progetto.

Codoqu dunque può essere inteso come un vero e proprio aggregatore sociale, un social network basato sugli eventi che verranno segnalati dagli utenti stessi tramite descrizione (COsa), geolocalizzazione (DOve) e collocazione temporale (QUando). Un modo tanto semplice quanto efficace di rendere accessibili e condivisibili le informazioni ed avere un unico punto di riferimento per sapere cosa succede in città? Tra le ambizioni del team Codoqu spicca quella di dare voce ad ogni tipo di eventi, sia per tipologia che per dimensioni. Inoltre le aspettative si fanno ancora più grandi nel sentire che si attendono delle funzioni davvero efficaci, anche per chi vuole fare nuove amicizie, funzioni che a detta degli autori stessi saranno di una semplicità disarmante.

Con Codoqu si potrà pubblicare, gratuitamente e velocemente, qualsiasi evento oppure scegliere quelli a cui prendere parte ed organizzarli con il proprio planner personale; da organizzatore si potrà monitorare il successo del proprio evento e fare in modo che raggiunga più persone; tutto con la stessa semplice e divertente piattaforma, sia su pc che dispositivi mobile. Per qualsiasi informazione: http://igg.me/at/codoqu/x/1619309 e welcome.codoqu.it.

 

103 CONDIVISIONI
Il codice del nuovo social network di Trump è copiato da un altro social network
Il codice del nuovo social network di Trump è copiato da un altro social network
Facebook, ecco i 5 errori da non fare sul Social Network
Facebook, ecco i 5 errori da non fare sul Social Network
Come è cambiato Facebook? ecco l'evoluzione del social network [VIDEO]
Come è cambiato Facebook? ecco l'evoluzione del social network [VIDEO]
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni