I meme più famosi del web: storia e curiosità
20 Ottobre 2021
17:21

Come è nato “Evil X be like”, il meme con i personaggi famosi in versione malvagia

Personaggi famosi a colori invertiti, a volte con pupille rosso sangue a sottolinearne la “malvagità” e un tocco finale: citazioni improbabili che corrispondono all’esatto opposto delle frasi che li hanno resi celebri. L’ultimo meme che si sta diffondendo anche da noi è basato su una formula semplice ma che sta trovando un successo inusuale.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
I meme più famosi del web: storia e curiosità

In questi giorni può capitare di imbattersi sui social in una tipologia di immagine piuttosto particolare: la fotografia originale ritrae un personaggio noto come un politico, un cantante o un personaggio televisivo, ma i colori sono invertiti. Le immagini di questo tipo si stanno moltiplicando su parecchie pagine social italiane e si rifanno tutte a un meme grafico che sta avendo parecchio successo in molti Paesi con una formula e un'origine ben precise.

Cos'è e in cosa consiste il meme "Evil X be like"

Il meme si può chiamare "Evil X be like", dalla frase in lingua inglese che lo introduce. La premessa è quella di prendere un personaggio noto e di utilizzare una sua frase celebre rielaborandola come se fosse stata pronunciata da un suo alter ego malvagio. L'immagine a colori invertiti aiuta a veicolare il concetto che il personaggio rappresentato non è l'originale ma il suo inverso; il testo superiore recita sempre "Evil X be like" con il nome del personaggio al posto della X e il testo inferiore contiene la frase che va scelta accuratamente per scatenare l'effetto comico del meme. In realtà non è strettamente necessario che la frase fatta pronunciare sia malvagia; basta solo che venga rispettato il criterio dell'inversione totale del significato.

L'origine del meme

Nato negli Stati Uniti, il formato di questa tipologia di immagini aveva inizialmente un sottotesto musicale proprio per la facilità con la quale è possibile attribuire frasi celebri a cantanti e cantautori, pescando direttamente dalla loro produzione: i Beatles malvagi possono facilmente pronunciare "She hates you (yeah yeah yeah)" anziché "She loves you (yeah yeah yeah)" risuonando con un pubblico di milioni di persone che conosce il brano in questione. Presto l'ambito di applicazione del meme ha però oltrepassato sia i confini del mondo musicale che quelli degli USA. In Italia la formula si è sposata immediatamente con il pantheon di cantanti, attori, presentatori televisivi, politici e altre celebrità e pseudocelebrità che dettano il ritmo del gossip nostrano.

La storia del gabbiano che urla, il meme della rabbia incontrollata (che in realtà sta "ridendo")
La storia del gabbiano che urla, il meme della rabbia incontrollata (che in realtà sta "ridendo")
La storia del meme del bambino sconsolato in auto: il protagonista in realtà è un adulto
La storia del meme del bambino sconsolato in auto: il protagonista in realtà è un adulto
"Non è un granché ma è un lavoro onesto": da dove arriva il meme del fattore che guarda l'orizzonte
"Non è un granché ma è un lavoro onesto": da dove arriva il meme del fattore che guarda l'orizzonte
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni