Se ne parlava da agosto, e alla fine è stato reso ufficiale da Apple nel corso dell'evento di presentazione dei suoi ultimi iPad e Apple Watch: si tratta di Apple One, un servizio comprensivo di tutti i contenuti in abbonamento offerti dall'azienda – dalla musica di Apple Music al catalogo di Apple TV+ – raggruppati in un unico pacchetto. Attraverso Apple One, da questo autunno gli utenti potranno mettere le mani su gran parte dei contenuti offerti loro dalla casa di Cupertino con un esborso economico minore rispetto al costo delle singole sottoscrizioni sommate tra loro.

Cos'è Apple One

Come suggerisce il nome, Apple One nasce con l'intento di raggruppare in un'unica offerta tutti i servizi che già oggi mette a disposizione su base mensile. Gli utenti potranno scegliere fra tre piani distinti, ovvero Individuale, Famiglia e Premier. I primi due sono sostanzialmente identici e comprendono un mese di Apple Music, Apple TV+ e Apple Arcade con due fondamentali differenze: mentre il piano individuale è legato a un singolo utente e include 50 GB di spazio extra su iCloud, quello familiare può essere condiviso da 6 membri dello stesso nucleo domestico e porta a 200 GB lo spazio di archiviazione cloud a disposizione del gruppo. Apple One in formato Premier è invece un piano Famiglia al cui pacchetto vengono aggiunti 2 terabyte di spazio cloud e gli abbonamenti a Apple News+ e al nuovo servizio di videolezioni Apple Fitness+; dal momento però che le ultime due piattaforme non sono disponibili ovunque, per il momento si tratta di un piano disponibile solamente in Australia, Canada, Regno Unito e Stati Uniti.

Perché è importante

Il prezzo di Apple One nei piani Individuale e Famiglia è rispettivamente di 14,95 e di 19,95 euro al mese, per un risparmio rispetto al costo dei singoli abbonamenti di 6 e 8 euro. Legando i suoi servizi e proponendoli in un pacchetto scontato Apple punta a promuoverne un'adozione più veloce anche presso una clientela che finora ha sempre snobbato parte della sua offerta: i fan di Apple Music che decidono di provare Apple One potrebbero scoprirsi appassionati di videogiochi dando una chance al catalogo di Apple Arcade; allo stesso modo i videogiocatori incalliti che finora non hanno degnato di attenzione il catalogo del servizio di video in streaming potrebbero farsi tentare dalla nuova offerta e rimanervi legati anche per i mesi a venire.

Non è un segreto del resto che Apple abbia deciso di puntare sempre di più sull'offerta di servizi agli utenti, oltre che sulla vendita dei prodotti grazie alla quale è diventata un'azienda tra le più quotate al mondo. Con il lancio di Apple One gli introiti legati a questo settore delle sue attività sono destinati a crescere. Per sapere quanto successo avrà il servizio occorrerà però attendere: Apple One debutterà questo autunno, con un periodo di prova di 30 giorni al quale gli utenti potranno aderire prima di decidere se investire denaro nell'abbonamento.