I messaggi vocali sono diventati una delle modalità di interazione più frequente all'interno della piattaforma di messaggistica WhatsApp – con buona pace di chi è costretto ad ascoltare messaggi audio di oltre 3 minuti di durata. A differenza della parola scritta però, registrare un messaggio non è qualcosa che riesce sempre al primo colpo e riascoltarlo prima di inviarlo può essere utile a verificare se all'interno sono state dette inesattezze o semplicemente se il risultato è in linea con le aspettative. WhatsApp sta lavorando a una funzionalità simile, che non è ancora stata attivata ufficialmente ma che su alcuni telefoni si può già utilizzare con un piccolo trucco.

Come attivare il riascolto dei vocali prima dell'invio

Il trucco con cui arrivare al risultato è piuttosto semplice, il che fa pensare che gli sviluppatori di WhatsApp debbano soltanto trovare il modo di rendere l'interfaccia già ideata più semplice da usare, prima di far debuttare la novità in modo definitivo. Mentre questo avviene, per attivare il riascolto dei vocali basta innanzitutto ricordarsi di registrare il proprio messaggio nella modalità prolungata, ovvero trascinando il pulsante per la registrazione verso l'alto: in questo modo il microfono rimane in ascolto anche dopo aver tolto il dito dallo schermo, rendendo possibile la seconda operazione che fa scattare il trucco.

Al termine della registrazione non va infatti premuto il pulsante di invio, ma quello per tornare alla schermata precedente. WhatsApp tornerà così alla schermata principale – ovvero la lista delle conversazioni recenti – ma ricordandosi che c'è un vocale in sospeso nella chat dove è stato registrato. Entrando in quella chat il messaggio audio risulta effettivamente in attesa, pronto per essere inviato ma corredato da una barra di riproduzione e un tasto Play che consente di ascoltarlo. Dopo averlo risentito si può decidere se eliminarlo con il pulsante del cestino, oppure inviarlo con il pulsante dell'aeroplanino di carta.