19 Ottobre 2020
16:47

Come scrivere a te stesso su WhatsApp

Gli sviluppatori non hanno previsto ufficialmente questa possibilità, che però numerosi utenti utilizzano per prendere appunti, inviarsi note vocali e salvare in cloud documenti, fotografie e video facili da reperire in pochi tocchi. Aprire una conversazione con se stessi è facile, ma non mancano le controindicazioni.
A cura di Lorenzo Longhitano

La piattaforma di messaggistica istantanea WhatsApp è utilizzata ogni giorno da centinaia di milioni di persone per rimanere in contatto con amici, colleghi, parenti e conoscenti, ma può essere utilizzata anche per lasciare appunti, documenti, note audio e contenuti multimediali a se stessi. La funzionalità in realtà non è stata prevista ufficialmente dagli sviluppatori dell'app, ma attraverso un piccolo trucco è possibile attivarla per avere sempre a disposizione un modo veloce per annotare dei promemoria o tenere a portata di mano video, foto e altre tipologie di file che potrebbero tornare utili in ogni momento.

Come fare per scrivere a te stesso su WhatsApp

WhatsApp non permette di inviare messaggi al medesimo numero che appartiene al proprietario dell'account, motivo per cui per inviare messaggi e contenuti multimediali a se stessi è necessario aggirare il problema: per farlo basta creare un gruppo del quale poi rimanere gli unici partecipanti. La procedura è semplice: dalla schermata principale dell'app occorre toccare il tasto in basso a destra con il simbolo della chat, e nella schermata di selezione che appare successivamente toccare la voce Nuovo gruppo. Tecnicamente il contatto da sfruttare per creare il nuovo gruppo è indifferente, ma l'ideale sarebbe scegliere un amico o di una persona messa a conoscenza dell'operazione in corso.

Per creare una nuova chat di gruppo basta un solo partecipante; una volta scelto, resta solo da decidere un nome per il gruppo (ma resta sempre possibile modificarlo successivamente) e dare la conferma per la creazione. L'ultimo passaggio consiste nel cacciare l'altro contatto dalla stanza appena creata, aprendola e toccandone l'intestazione nella parte alta dello schermo: nella lista degli utenti presenti basta selezionare il nome dell'altro partecipante e poi la voce Rimuovi. In questo modo la stanza non viene eliminata, ma al suo interno si resta di fatto soli: nessun altro può leggere i messaggi vhr vengono pubblicati o inviarne di propri.

A cosa serve

Inviare messaggi all'interno del gruppo così impostato ha numerosi vantaggi: permette ad esempio di prendere appunti veloci, caricare online fotografie, video e documenti in vari formati, ma anche lasciarsi note vocali per non dimenticare appuntamenti o commissioni. Se da un lato su smartphone esistono decine di app che permettono di fare tutto questo, d'altro canto è vero anche che WhatsApp resta una delle app più utilizzate. Fissare il gruppo sopra alle chat più recenti rende la conversazione con se stessi ancora più facile da raggiungere, e quindi più utile.

Le controindicazioni

Il trucco non è privo di controindicazioni. Innanzitutto per non perdere il contenuto delle conversazioni con se stessi è necessario ricordarsi di effettuare un backup delle conversazioni di quando in quando. Inoltre, caricare in cloud materiale come foto e video salva delle copie che non sono identiche agli originali, ma sono delle rielaborazioni compresse per risparmiare spazio online e gigabyte di trasferimenti: la qualità sarà peggiore, e il consiglio è dunque quello di mantenere comunque una copia degli originali salvata attraverso metodi tradizionali.

Il trucco WhatsApp per chattare da due account diversi sullo stesso PC
Il trucco WhatsApp per chattare da due account diversi sullo stesso PC
Telegram attacca WhatsApp, arrivano le videochiamate
Telegram attacca WhatsApp, arrivano le videochiamate
Attenzione ai messaggi che si auto cancellano di WhatsApp: chi li legge potrà salvarli lo stesso
Attenzione ai messaggi che si auto cancellano di WhatsApp: chi li legge potrà salvarli lo stesso
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni