25 Agosto 2021
16:50

Cos’è Arte Povera, il tormentone di Mario De Lillo che su TikTok racconta il disagio con ironia

I suoi ultimi contenuti sulla piattaforma di condivisione cinese ruotano quasi tutti intorno alla stessa formula che evidentemente risuona con buona parte degli utentil: raccontare il disagio in modo ironico, sottolineando la distanza tra il suo mondo e quello di chi invece non ha problemi economici o conduce una vita agiata.
A cura di Lorenzo Longhitano

Accento spiccatamente romano e una predilezione per la cosiddetta "arte povera": è così che i video di Mario De Lillo, comico romano classe 1985, stanno conquistando milioni di utenti su TikTok. Sulla piattaforma di condivisione cinese è sostanzialmente impossibile non aver incrociato negli ultimi mesi almeno uno dei suoi video, in cui il ragazzo si rivolge in prima persona agli spettatori, spesso in un primissimo piano e con una foga fuori dal comune. I suoi contenuti più virali ruotano tutti intorno alla stessa formula che evidentemente risuona con buona parte del pubblico del social: raccontare il disagio in modo ironico, sottolineando la distanza tra il suo mondo e quello di chi invece non ha problemi economici o conduce una vita agiata.

 

L'origine di Arte Povera

È questo il senso di Arte Povera, la serie di video di Mario De Lillo che sta diventando virale ormai da settimane su TikTok e sugli altro social. Il creator romano in effetti ha una lunga carriera di attore alle spalle e nella produzione di video social vanta un curriculum che predata l'esistenza della piattaforma cinese, ma i suoi ultimi e più famosi video seguono tutti uno stesso canovaccio: Mario si rivolge a ipotetici spettatori sfidandoli con un iniziale "ma che ne sapete voi", per poi prenderne di mira le abitudini da altolocati contrapponendovi un aspetto particolare della sua vita: dal riso in bianco scondito paragonato al "tonno vitellato" dei ristoranti stellati alla spesa a domicilio contrapposta al mercato ortofrutticolo. "Arte povera" e "nun mollà" sono le formule con le quali Mario chiude i suoi video, ma sono presto diventate dei veri e propri tormentoni utilizzati anche da altri tiktoker.

 
Cos'è “Arrivo in Inghilterra, Elisabetta non mi inchino”, il tormentone di TiKTok per Euro 2020
Cos'è “Arrivo in Inghilterra, Elisabetta non mi inchino”, il tormentone di TiKTok per Euro 2020
Su TikTok spopola il filtro Corsa a Versailles: cos'è e come si usa
Su TikTok spopola il filtro Corsa a Versailles: cos'è e come si usa
Cosa dice la canzone su Jeffrey Bezos, il tormentone sul CEO di Amazon che spopola su TikTok
Cosa dice la canzone su Jeffrey Bezos, il tormentone sul CEO di Amazon che spopola su TikTok
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni