Effetto Mpemba (Foto: Youtube, Ken Sippy)
in foto: Effetto Mpemba (Foto: Youtube, Ken Sippy)

Insieme alle testimonianze fotografiche del grande freddo che ha gelato gli Stati Uniti in queste settimane, sui social network stanno impazzando anche video della cosiddetta boiling water challenge, una sfida che prevede di lanciare in aria acqua bollente per vederla ghiacciarsi a mezz'aria istantaneamente, prima ancora di toccare terra in modo spettacolare. Il risultato è impressionante, ma allo stesso tempo — fanno notare i media statunitensi — il tentativo da parte di centinaia di individui di girare il proprio personale video virale sta mandando più di una persona all'ospedale.

La CBS ha raccontato del Loyola University Medical Centre, un singolo centro a Maywood, in Illinois, nel quale sono stati accolti otto pazienti dai 3 ai 53 anni, vittime di ustioni provocate proprio dalle conseguenze della sfida. E il caso non è isolato, tanto che diversi siti e notiziari negli Stati Uniti sono arrivati a dover consigliare al pubblico di non prestarsi alla sfida, anche perché si tratta di un esperimento pericoloso per natura: il fenomeno fisico che rende possibile l'effetto coreografico osservato nelle clip si chiama effetto Mpemba, e per verificarsi in modo così esplosivo richiede infatti che l'atmosfera circostante sia gelida e l'acqua utilizzata sia quasi bollente. Un lancio effettuato male rischia inoltre di ustionare anche i passanti, soprattutto considerato che — pur di far assumere alla gettata di ghiaccio forme spettacolari — i partecipanti alla sfida sembrano pronti a vere e proprie acrobazie.

Inutile dire che in Italia — come in qualunque altro Paese dove le temperature non abbiano toccato punte negative così estreme come quelle raggiunte negli Stati Uniti in queste settimane — le cose andrebbero anche peggio: a temperatura atmosferica maggiore, aumenta di molto la probabilità che l'acqua bollente lanciata in aria torni al suolo ancora sufficientemente calda da riuscire a provocare ustioni anche gravi. È infatti praticamente impossibile che l'acqua bollente possa gelarsi in aria con le temperature che stanno caratterizzano il nostro paese.