28 Agosto 2020
17:07

Da dove arriva “M to the B”, l’audio virale che spopola su TikTok

L’ultimo fenomeno di TikTok è un audio finito nelle pagine principali di quasi tutti gli utenti della piattaforma video. La clip arriva da una canzone del 2016, ma è tornata popolare a causa dell’intervento di una TikToker che l’ha utilizzata come base per una tipologia di video che ora stanno imitando in centinaia.
A cura di Lorenzo Longhitano

Come avviene di consueto su TikTok, un nuovo fenomeno passeggero ha invaso la piattaforma di condivisione video, anche se in quest'ultimo caso non è un ballo né di una vera e propria challenge. Si tratta piuttosto di brevissimi video accompagnati a un audio che chi ha aperto l'app almeno una volta nelle ultime settimane non può non aver sentito: "M to the B", una clip di pochi secondi che a sua volta proviene da una canzone di quasi quattro anni fa ma che ha fatto un ritorno inaspettato e in grande stile su TikTok.

Cos'è e da dove arriva "M to the B"

La canzone in questione si intitola Sophie Aspin Send, ed è un singolo dell'artista britannica grime Millie B. Il pezzo è nato come diss track, un genere di brano nel quale l'artista prende di mira un conoscente, un collega o una personalità pubblica con rime taglienti e veri e propri insulti e offese; come suggerisce il titolo, la destinataria del pezzo è Sophie Aspin, un'altra artista del medesimo circuito che già in passato aveva avuto a che fare con Millie B. I contenuti della traccia non rivestono però molta importanza nello spiegare la sua seconda giovinezza all'interno di TikTok; del resto la clip diventata virale è semplicemente l'appellativo della cantante e recita: "It's M to the B, it's M to the B, It's M M M M M to the B, It's M to the B, it's M to the B, Bang".

Perché "M to the B" è ovunque

Come avviene spesso su TikTok, a far diventare virale un contenuto è la modifica e la condivisione da parte di un utente già popolare. È esattamente quello che è avvenuto con "M to the B" quando una TikToker molto apprezzata, la 19enne di origini filippine Bella Poarch, ha pubblicato un lip-sync con la canzone come sottofondo, un effetto video capace di zoommare in automatico sul suo volto in automatico e una serie di espressioni facciali. La clip dura una manciata di secondi e non è particolarmente curata; la popolarità della TikToker ha acceso però l'interesse per il video, che è finito nelle pagine principali di milioni di utenti e ha così ammassato più di 160 milioni di visualizzazioni in 10 giorni, ma anche centinaia di migliaia di commenti non tutti positivi.

 

L'ondata di negatività che ha travolto il video ha spinto la TikToker ad allontanarsi per qualche giorno dalla piattaforma, ma nel frattempo centinaia di altri utenti hanno voluto replicarne il contenuto, commentandolo, riproponendolo o recitandolo a modo loro; i contenuti basati sulla canzone di Millie B sono diventati più di un milione e mezzo, mentre #MtotheB, l'hashtag legato al nuovo formato di video nato dalla clip di Bella Poarch, ha raccolto più di 130 milioni di visualizzazioni e continua a spopolare.

TikTok tradito dal suo algoritmo: la clip di un suicidio è diventata virale
TikTok tradito dal suo algoritmo: la clip di un suicidio è diventata virale
Cos'è “Arrivo in Inghilterra, Elisabetta non mi inchino”, il tormentone di TiKTok per Euro 2020
Cos'è “Arrivo in Inghilterra, Elisabetta non mi inchino”, il tormentone di TiKTok per Euro 2020
Honey Jelly, su TikTok diventa virale la ricetta del miele congelato in bottiglia
Honey Jelly, su TikTok diventa virale la ricetta del miele congelato in bottiglia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni