Ad oggi il viaggio dura quasi 20 ore, ma entro il 2030 il tempo richiesto per andare da Londra a Sydney potrebbe richiedere solamente 4 ore. Lo promette Reaction Engines, un'azienda inglese al lavoro sulla produzione di un nuovo motore in grado di raggiungere la velocità di Mach 5.5, cinque volte superiore alla velocità del suono e pari a circa 6.000 chilometri orari. Si chiama SABRE (Synergetic Air Breathing Rocket Engine) e dovrebbe essere operativo entro il 2030. "Non è fantascienza né un sogno" ha spiegato Graham Turnock dell'agenzia spaziale inglese. "È attualmente in costruzione".

Il segreto di questo nuovo motore è il superamento di un problema attualmente limitante dal punto di vista della velocità: la fusione. Generalmente una propulsione di questo tipo richiederebbe temperature così alte da provocare la fusione del motore, ma il SABRE utilizza gas liquidi – come l'elio – in grado di ridurre la temperatura dell'aria da 1.000 gradi a -150 gradi in un centesimo di secondo. Il tutto senza creare blocchi di ghiaccio durante la procedura. Il nuovo motore è infine basato sull'utilizzo dell'idrogeno, un combustibile ecologico che produce vapore acqueo quando brucia.

L'obiettivo è quello di utilizzare questa tecnologia per realizzare Skylon, un aereo che potrà decollare da speciali spazioporti e volare nell'orbita bassa della Terra prima di rientrare nell'atmosfera e atterrare su una normale pista. "Non solo ci consentirà di viaggiare a velocità supersoniche nel mondo, ma ci permetterà di portare velocemente più tecnologia nello spazio" ha spiegato Will Whitehorn della UKspace. I primi voli del prototipo di aereo dotato di SABRE dovrebbero avere inizio entro il 2025 e saranno pilotati da remoto. Per i voli commerciali, invece, potremmo dover aspettare ancora qualche decina d'anni.