Dopo essere diventato un fenomeno virale incredibile su TikTok – dove ormai l'hanno ballato più o meno tutti gli utenti – il balletto Renegade è sbarcato anche su Fortnite. La nuova emote introdotta dagli sviluppatori del popolare Battle Royale è infatti proprio la danza che negli ultimi mesi ha fatto ballare milioni di utenti su TikTok, compresa (ripetutamente) la seguitissima Charli D'Amelio. Creata dall'adolescente americana Jalaiah Harmon, la danza è in poco tempo diventata un segno distintivo di TikTok e non solo: la giovane l'ha ballata anche sui campi dell'NBA.

Fortnite ha annunciato l'introduzione della nuova emote sui suoi social, dove ha pubblicato il video del ballo e ha taggato Jalaiah Harmon come autrice delle mosse. Non è chiaro se tra Epic Games e la ragazza sia stato firmato un contratto per l'utilizzo in licenza del balletto, cosa che non stupirebbe visto il rapporto burrascoso del videogioco con i diritti dei balli, in precedenza presi e digitalizzati senza permessi né notifiche. In questo caso, vista anche la menzione all'autrice, è probabile che qualche tipologia di accordo ci sia stata.

È dal lancio di Fortnite che il videogioco accoglie nuovi balletti che i giocatori possono acquistare all'interno del negozio digitale o sbloccare come parte del Pass Battaglia. Nel corso degli ultimi tre anni Fortnite ha introdotto alcune delle mosse più popolari prendendo ispirazione da film, serie TV e fenomeni virali come la Renegade. Nel tempo l'acquisizione di queste danze da parte di Epic Games è diventata sempre più serrata, tanto da far nascere diverse cause intentate contro lo sviluppatore per appropriazione indebita. Ultimamente, però, pare che questo comportamento sia cessato in favore di accordi stretti con influencer e creatori, che infatti ora vengono citati dalla stessa Epic Games. Recentemente anche lo streamer Ninja ha visto l'arrivo di una sua skin e di una emote personalizzata. Nel caso della Renegade, peraltro, la citazione è anche un ottimo elemento per la Harmon, che non sempre è stata citata come autrice del balletto virale.