14 Maggio 2013
12:31

Dotadv versus Google Adwords: la nuova frontiera del self-provisioning

Dotadv è la piattaforma di self-provisinioning che automatizza la vendita diretta degli spazi pubblicitari. Trasparenza delle relazioni, zero costi di intermediazione e qualità dell’inventario garantita per gli editori i punti di forza di questa startup che sfida il gigante Google Adwords.

Quattro parole chiave: zero costi di intermediazione, budget contenuto, trasparenza e qualità. Questa è in sintesi la marcia in più della startup romana che sfida Google Adwords nel advertising.
Dotadv è una piattaforma di self-service advertising che consente di automatizzare la vendita di spazi pubblicitari impegnando gli editori in pochi semplici click.

Si chiama "self-provisioning": l’inserzionista accede all’offerta pubblicitaria dell’editore, sceglie gli spazi pubblicitari, configura la campagna e realizza il banner durante il processo di acquisto. Ricevuto l’ordine, l’editore ne controlla la qualità, lo approva e la campagna pubblicitaria è pronta da subito per essere mostrata ai lettori del giornale.

Per gli editori il vantaggio risiede nel poter usufruire di un canale di vendita aggiuntivo e poter tutelare la qualità dell'inventario controllando direttamente la qualità delle inserzioni pubblicitarie "ospitate".
Per gli inserzionisti il vantaggio non è indifferente: pianificazione autonoma di tempi e spazi del suo advertising e rapporto trasparente con l'editore, senza intermediari, con un taglio alle spese che preserva il budget.

Subito.it, Citynews e Secondamano.it sono i primi partner ad aver apprezzato il servizio, ma molte collaborazioni sono in procinto di partire nell'editoria europea. Il mercato anglosassone è particolarmente sott'occhio, in quanto la principale piazza europea per volumi e maturità.

Davide Fiorentini, CMO di Dotadv, racconta a Wired.it:

"Il mercato dell’online advertising in Italia vale 1,25 miliardi l’anno. Il segmento nel quale ci andiamo a collocare è quello display, che rappresenta il 44,5 per cento del totale. Il mercato UK vale 5,5 miliardi l’anno. Prevediamo sarà il paese nel quale si svilupperà una competizione maggiore quindi è importante entrare prima possibile"

Come si sono finanziati? Risponde sempre Davide:

"Dobbiamo ringraziare il nostro angel privato che ci ha sostenuto nella fase di lancio e ci ha permesso di arrivare fin qui. Ora siamo alla ricerca di un investitore istituzionale che ci consenta di entrare anche negli altri mercati europei e negli Stati Uniti"

Il team di Dotadv – Davide Fiorentini, Fausto Preste e Lorenzo Marzullo – cerca un investitore, VC avvisati.

Google Tesla, la prima auto che si può controllare con gli occhiali
Google Tesla, la prima auto che si può controllare con gli occhiali
Gli insetti robot, la nuova frontiera della tecnologia
Gli insetti robot, la nuova frontiera della tecnologia
Arriva il nuovo Google+
Arriva il nuovo Google+
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni