A partire da oggi — oltre agli utenti Android — anche i proprietari di iPhone potranno mettere le mani in anteprima sulle prossime funzionalità di WhatsApp. Lo ha riportato il sito WaBetaInfo, segnalando l'avvio di un programma aperto al pubblico e dedicato a chiunque voglia fare da cavia per le versioni beta (ovvero preliminari e soggette a potenziali problemi) della piattaforma di messaggistica istantanea, non ancora disponibili per il grande pubblico. Da sempre gli sviluppatori di WhatsApp forniscono versioni beta del loro software a una ristretta cerchia di utenti, che in cambio di una sbirciata alle nuove funzionalità forniscono loro un riscontro su potenziali problemi causati dagli aggiornamenti. Finora, almeno per quel che riguarda iOS, il numero di privilegiati con accesso alle anteprime era molto limitato; con l'apertura di questi giorni il numero è destinato ad ampliarsi.

Per mettere le mani sulle versioni preliminari di WhatsApp occorre per prima cosa visitare l'App Store per procurarsi Testflight. Si tratta di un'app realizzata dalla casa di Cupertino che si occupa di gestire in modo sicuro l'installazione di versioni preliminari non solo di Whatsapp, ma di ogni genere di software sviluppato per iOS. Come in questo caso, la piattaforma Testflight viene utilizzata spesso dagli sviluppatori che vogliono diffondere versioni alternative del proprio software, utilizzando però canali alternativi rispetto all'App Store che invece è dedicato al grande pubblico.

Una volta installato Testflight occorre iscriversi al programma beta di WhatsApp affinché le versioni preliminari dell'app possano arrivare direttamente sull'iPhone al posto delle versioni definitive. La procedura ha inizio seguendo questo link, anche se è molto probabile che il programma — il cui numero di posti è comunque limitato — sia già al completo. In questo caso, occorre avere pazienza: non capita raramente che alcuni partecipanti decidano di tornare a utilizzare le versioni definitive dell'app, liberando nuovi posti, o che gli sviluppatori decidano di estendere il programma a un numero maggiore di soggetti. Il suggerimento per chi non è riuscito ad ottenere l'ingresso è dunque quello di mantenere installata l'app Testflight e di conservare a portata di mano il link per l'iscrizione al programma: dare una controllata periodica può rivelare improvvisamente un posto disponibile che potrebbe finire di nuovo occupato in breve tempo.