Un taxi volante per attraversare intere città in 15 minuti. È questo il futuro ipotizzato da Uber con il suo velivolo annunciato lo scorso anno e mostrato nuovamente nel corso degli ultimi giorni all'interno della conferenza Elevate dedicata proprio agli spostamenti aerei. Si tratta di una sorta di drone-elicottero che potrà essere utilizzato per spostarsi velocemente in aree urbane, di fatto saltando completamente il traffico che affligge le strade principali di tutte le città. Per il momento sono 5 le realtà impegnate nella realizzazione di questi velivoli che stanno collaborando con Uber: Karem, Embraer, Pipistrel, Aurora Flight Sciences e Bell.

Si parla, ovviamente, di un futuro non troppo vicino ma nemmeno troppo lontano: i velivoli elettrici di questo tipo stanno attraversando ancora una fase molto acerba del loro sviluppo, per non parlare dell'aspetto legato ad infrastrutture e leggi che possano regolamentare l'operato di questi mezzi, al momento totalmente inesistenti. In ogni caso Uber sembra essere la realtà con l'approccio più concreto a questo nuovo settore, che al momento ha anche un barlume di flotta ancora in fase prototipale. Un gruppo di velivoli nati dalla volontà dell'azienda di trasporto di realizzare una flotta di taxi volanti elettrici, poco rumorosi e in grado di decollare e atterrare verticalmente.

Uber conta di lanciare il suo taxi volante, mostrato in un'immagine proprio durante la conferenza di Los Angeles, entro la fine del 2023. A differenza delle proposte mostrate dalle cinque aziende che stanno lavorando con Uber, quello del servizio di trasporto – che comunque non costruirà autonomamente il veicolo – sembra quasi più un drone che un elicottero ed è dotato di 4 eliche doppie e una singola per l'accelerazione. L'idea dell'azienda è quella di trasportare i clienti da e verso punti di decollo posizionati sui tetti e in zone aperte delle città. In questo modo si potrebbe percorrere il tratto che va da Fiumicino al centro di Roma in soli 15 minuti, a differenza dei 60 minuti di viaggio che oggi generalmente richiede.