Da almeno un paio di anni ormai i telefoni a marchio OnePlus hanno smesso di essere economicamente abbordabili per passare a competere con i migliori e più costosi smartphone sulla piazza, per questo quando il gruppo ha dato l'annuncio dell'arrivo sul mercato dell'economico OnePlus Nord i fan della prima ora di OnePlus si sono da subito interessati al progetto. Ora, dopo settimane di anticipazioni, il gadget è stato ufficialmente svelato nel corso di una presentazione in realtà aumentata, ma soprattutto ha una data di uscità: il 4 agosto.

Lo scopo di OnePlus Nord è quello di portare alcune delle caratteristiche chiave dei potenti e costosi OnePlus 8 e 8 Pro all'interno di un pacchetto meno estremo ma comunque appetibile, e soprattutto capace di proporsi a una fascia di prezzo più bassa rispetto a quella occupata dai due fratelli maggiori. Tra gli elementi chiave ereditati da questi ultimi per riuscire nell'operazione spiccano sicuramente il display, la ricarica rapida e la fotocamera.

Display fluido

Lo schermo di OnePlus Nord è infatti un pannello da 6,44 pollici di diagonale che occupa tutta la parte frontale del dispositivo fatta eccezione per due fori dedicati a una doppia fotocamera frontale; a renderlo interessante è però la frequenza di aggiornamento da 90 Hz tratta da OnePlus 8 e difficile da trovare su un dispositivo di fascia media. La ricarica veloce è invece affidata alla tecnologia Warp Charge 30T, che permette di portare la capiente batteria da 4.115 di OnePlus Nord al 70 percento della capacità in mezz'ora.

Fotocamera promettente

Il sistema di fotocamere è uno degli elementi più interessanti del dispositivo. Il sensore principale da 48 Mpixel con stabilizzazione ottica è lo stesso presente su OnePlus 7T e sulla versione base di OnePlus 8, ed è accompagnato da una fotocamera grandangolare da 8 Mpixel, da un obbiettivo macro da 2 Mpixel e da un sensore di profondità che aiuterà il dispositivo nella composizione dei ritratti con sfondo sfocato. Sul lato frontale del telefono trovano posto invece due fotocamere: una principale da ben 32 Mpixel e una grandangolare da 8 Mpixel per selfie di gruppo.

Luci e ombre del processore

Ad occuparsi del funzionamento del dispositivo ci pensano una vecchia conoscenza lato software, e una new entry lato hardware. La prima è il sistema operativo Android condito con l'ultima versione della semplice, ma completa e apprezzata interfaccia grafica Oxygen OS; il secondo è il processore Snapdragon 765G 5G, che da una parte ha aiutato a tenere basso il costo finale dell'apparecchio e d'altro canto permette comunque al dispositivo di disporre di funzionalità di intelligenza artificiale e connessioni alle reti 5G di ultima generazione.

Gli utenti ossessionati dalle prestazioni velocistiche del proprio smartphone potrebbero storcere il naso di fronte a quest'ultima caratteristica: da sempre infatti OnePlus riserva ai suoi smartphone gli ultimi e più potenti processori Snapdragon in circolazione al momento del lancio, e per la prima volta dopo l'esperimento di OnePlus X ha scartato l'apprezzato Snapdragon 865 presente sulla serie 8 preferendogli una unità meno capace. D'altro canto OnePlus Nord non è pensato per la stessa tipologia di pubblico di OnePlus 8; inoltre, ad accompagnare il lavoro del processore c'è un quantitativo di memoria RAM da 8 o da 12 GB che dovrebbe bastare a rendere fluida qualsiasi operazione svolta sul telefono.

Il prezzo è una scommessa

L'altra caratteristica che farà discutere del gadget è il prezzo: OnePlus Nord è offerto nelle varianti cromatiche Blue Marble e Gray Onyx, e costerà 399 euro nella variante con 8 GB di RAM accompagnata da 128 GB di memoria interna, oppure 499 euro in quella con 12 GB di RAM e 256 GB di memoria per lo stoccaggio. Da una parte si tratta sicuramente di cifre allettanti (alle quali OnePlus non scendeva dal 2016, ai tempi di OnePlus 3), per un dispositivo interessante sotto molti punti di vista; d'altro canto la concorrenza in questi anni non è rimasta a guardare, e lo stesso OnePlus 7T — un flagship con pochi mesi alle spalle che batte Nord in quasi tutti i comparti — è proposto sul sito del produttore a 539 euro.

OnePlus Buds, gli auricolari true wireless da oggi in vendita

A decidere il destino di OnePlus Nord saranno probabilmente l'attrattiva che sapranno esercitare le connessioni 5G, la qualità del sistema fotografico e l'esperienza d'uso, che però non si fonda esclusivamente sul processore utilizzato né sulla fluidità del display, ma su numerosi altri aspetti che andranno messi alla prova con cura. Nel frattempo però l'azienda ha lanciato anche un altro prodotto inedito: le OnePlus Buds, i primi auricolari true wireless del gruppo che puntano a coniugare una elevata qualità nella riproduzione audio insieme a un sistema di ricarica rapida che garantisce 10 ore di autonomia in 10 minuti di ricarica, o 30 ore dopo una ricarica completa insieme alla custodia. L'accessorio costa 89 euro e a differenza di OnePlus Nord è in vendita già da oggi.