3 CONDIVISIONI
Opinioni

Edward Snowden: “La NSA spia milioni di SIM in tutto il mondo”

Spie americane e inglesi hanno rubato informazioni confidenziali da un’azienda olandese responsabile della creazione delle SIM per poter spiare conversazioni in tutto il mondo. È quanto affermato da alcuni documenti divulgati da Edward Snowden, i quali descrivono la procedura che ha consentito agli agenti di rubare le chiavi che mantengono criptate le conversazioni telefoniche.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Marco Paretti
3 CONDIVISIONI
sim spiate

Spie americane e inglesi hanno rubato informazioni confidenziali da un'azienda olandese responsabile della creazione delle SIM per poter spiare conversazioni in tutto il mondo. È quanto affermato da alcuni documenti divulgati da Edward Snowden, i quali descrivono la procedura che ha consentito agli agenti – tra i quali alcuni appartenenti all'NSA e alla sua controparte inglese, la GCHQ –  di rubare le chiavi che mantengono criptate le conversazioni telefoniche.
L'azienda colpita è la Gemalto, che produce miliardi di SIM utilizzate da circa 1,5 miliardi di utenti in 85 paesi. Tra le compagnie telefoniche coinvolte troviamo AT&T, T-Mobile, Verizon e Sprint. I furti sono avvenuti tra il 2010 e il 2011 e hanno portato all'appropriazione di circa 300 mila codici da Somalia, Iran, Afghanistan, Yemen, India, Serbia, Iceland e Tajikistan.

Grazie a queste chiavi, le agenzie di intelligence hanno avuto la possibilità di registrare chiamate e messaggi di una gran parte del mondo. Questi codici vengono utilizzati per decifrare le comunicazioni tra gli smartphone e gli operatori telefonici, rendendo la procedura completamente irrintracciabile.
Secondo il documento di Snowden, le spie avrebbero inserito un software malevolo all'interno dei computer della Gemalto per accedere al network interno e rubare i dati. La documentazione si riferisce più volte all'acquisizione di obiettivi in grado di far penetrare le spie all'interno delle fabbriche dove i codici vengono inseriti nelle SIM. I paesi coinvolti sono molteplici: Germania, Messico, Brasile, Canada, Cina, India, Italia, Russia, Svezia, Spagna, Giappone e Singapore.

"Sono disturbato e preoccupato che sia successo tutto ciò" ha commentato Paul Beverly, vice presidente della Gemalto "La cosa più importante per noi è comprendere esattamente come è potuto accadere, in modo da assicurarci che non succeda più. Inoltre dobbiamo assicurarci che non ci siano ripercussioni per i nostri clienti che abbiamo servito nella più totale trasparenza per molti anni".
Come parte dell'operazione, le spie hanno disturbato le comunicazioni di alcuni inconsapevoli ingegneri e altri impiegati dell'azienda in diversi paesi. Un portavoce della Gemalto ha poi assicurato che "saranno prese tutte le dovute precauzioni, investigando e cercando di comprendere la portata di una tecnica così sofisticata di hacking".

3 CONDIVISIONI
Immagine
Giornalista dal 2002 specializzato in nuove tecnologie, intrattenimento digitale e social media, con esperienze nella cronaca, nella produzione cinematografica e nella conduzione radiofonica. Caposervizio Innovazione di Fanpage.it.
Edward Snowden: "I servizi segreti Uk spiavano anche i giornalisti"
Edward Snowden: "I servizi segreti Uk spiavano anche i giornalisti"
Datagate: le attività di raccolta dei dati telefonici della NSA erano illegali
Datagate: le attività di raccolta dei dati telefonici della NSA erano illegali
La NSA avrebbe installato negli hard disk degli utenti software spia
La NSA avrebbe installato negli hard disk degli utenti software spia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views