elon musk

Quella di Elon Musk è una figura decisamente controversa, la cui percezione pubblica è divisa tra chi lo osanna come un inventore geniale e chi ne critica la tracotanza con la quale si pone in pubblico. Quel che è certo è che con la sua azienda di automobili Tesla l'imprenditore sudafricano ha contribuito ad avviare la rivoluzione dei veicoli elettrici e della guida autonoma in un momento in cui questi temi non trovavano posto tra le priorità dei produttori tradizionali. In questi giorni però sembra che Musk abbia intenzione di dare un'ulteriore accelerata allo sviluppo del software di guida intelligente Autopilot installato nelle sue Tesla, e per farlo ha avviato una vera e propria campagna di reclutamento a mezzo social attraverso la quale sta chiedendo a tutti gli interessati di inviare la propria candidatura per entrare nel team di Tesla dedicato allo sviluppo delle intelligenze artificiali.

L'annuncio è stato pubblicato su Twitter, con un cinguettio dal tono piuttosto personale che recita: "In Tesla l'utilizzo dell'intelligenza artificiale al servizio della guida autonoma non è solo la ciliegina sulla torta, è la torta intera. Unisciti al team dedicato all'intelligenza artificiale: risponderai direttamente a me, ci incontreremo o ci scambieremo messaggi ed email tutti i giorni. Le mie azioni, non solo le mie parole, mostrano quanto sia importante per me lo sviluppo di un'intelligenza artificiale benigna".

I candidati non devono rispondere a particolari requisiti in termini di formazione accademica: Musk ha infatti precisato che per essere presi in considerazione per un posto di lavoro nel team di Autopilot non servono dottorati, e che "non importa neppure il diploma di scuole superiori". Non è la prima volta del resto che l'imprenditore afferma che l'assenza di un titolo di studio non equivalga necessariamente all'assenza di preparazione su un determinato tema. Quel che conta è che i candidati abbiano una "profonda conoscenza" di tutto ciò che riguarda machine learning e intelligenza artificiale, e che riescano a dimostrarlo passando alcune prove di coding definite decisamente dure.

Il primo passo per proporsi è visitare il sito del gruppo dedicato agli sforzi di Tesla in fatto di intelligenza artificiale e scorrere fino in fondo alla pagina: un modulo per le candidature chiede nome, cognome, indirizzo email e riserva uno spazio per descrivere che tipo di "lavoro eccezionale" il candidato ha già svolto nel settore.