Con l'Eurovision Song Contest alle porte, come ogni anno le previsioni sulla canzone che uscirà vincitrice dalla gara si sprecano: tra gli analisti non c'è un consenso ben definito, mentre tra il pubblico votante a volte accade che lo spirito patriottico o simpatie personali per uno o l'altro artista abbiano la meglio sulle analisi tecniche relative ai brani. Proprio riguardo alle canzoni in gara però esiste un dato oggettivo incontrovertibile: quella più ascoltata su YouTube ad oggi risulta essere quella del nostro Mahmood, Soldi.

Mahmood, il pieno di visualizzazioni non basta

Il dato lo ha rivelato Google in queste ore, in un tentativo di usare i dati delle ricerche ricerche degli utenti e delle visualizzazioni su YouTube a propria disposizione per tentare di indovinare in anticipo il vincitore dell'Eurovision. La popolarità del nostro cantante su YouTube però potrebbe non bastare a garantirgli la vittoria nel corso della finale di sabato: il meccanismo delle votazioni scelto dagli organizzatori infatti non risponde in modo omogeneo all'espressione della volontà popolare di tutti i cittadini dei Paesi in gara, ma è pensato per contrastare il fenomeno degli spettatori che votano il proprio artista per questioni patriottiche anziché artistiche.

Malta e Paesi Bassi

Per questo motivo anche YouTube ha realizzato una ulteriore classifica, che tiene conto della canzone più ascoltata sulla piattaforma in ciascun Paese, escludendo però le visualizzazioni che provengono dal Paese di provenienza dell'artista. In questo conteggio è Chameleon — la canzone della maltese Michela — a primeggiare, mentre Soldi scende in seconda posizione incassando comunque le preferenze degli utenti di Svizzera, Germania, Spagna, Francia, Regno Unito, Israele, Malta, Paesi Bassi, Polonia e San Marino. Se invece si prendono in considerazione le ricerche su Google filtrate tramite lo stesso criterio, il favorito diventa Duncan Laurence, artista dei Paesi Bassi che gareggia con la sua Arcade; a seguirlo c'è il russo Sergey Lazarev con Scream, mentre al terzo posto torna Mahmood con Soldi.

La casa di Mountain View infine ha raccontato di essere riuscita a tracciare i contorni del fenomeno ormai noto delle simpatie internazionali: impossibilitati a votare per il proprio artista, alcuni degli spettatori di ciascun Paese sembrano aver scelto dei rivali preferiti ai quali riservano il proprio voto di anno in anno, a prescindere da chi si esibisce sul palco. Purtroppo però la società non è scesa nei dettagli di queste alleanze, né raccontato come il fenomeno potrebbe interferire con le previsioni fatte tracciando ricerche su Google e visualizzazioni su YouTube.