Di quando in quando gli sviluppatori del gruppo Facebook lanciano una nuova app per esplorare nuovi modi di espandere il dominio dell'azienda nel mondo dei social network, spesso ispirandosi ad altre app di successo già esistenti nel panorama smartphone. L'ultima emersa online in ordine cronologico è stata lanciata in queste ore, per certi versi ricorda Pinterest e si chiama Hobbi: come suggeisce il nome è un'app pensata per raccontare al meglio e tenere traccia dei propri passatempi.

Cos'è Hobbi

L'app è una sorta di strumento per creare album organizzati di foto e video che riguardano hobby di ogni genere. Hobbi permette di catturare nuovi contenuti dalla fotocamera del telefono ma anche di agire su quelli già presenti in memoria: lo scopo è ordinare il materiale relativo ai propri progetti in ordine cronologico, per tenere traccia dello sviluppo di una ricetta, di una scultura, della costruzione di un mobile in legno e molto altro.

I controlli messi a disposizione per la modifica di foto e video sono semplici e dall'interfaccia manca una vera e propria integrazione con le app del gruppo Facebook: l'unica possibilità social concessa agli utenti per condividere i propri progressi con amici e parenti in effetti è quella di esportare un video generato automaticamente a partire dal materiale presente in un dato progetto.

Da dove arriva Hobbi

L'app del resto arriva da un incubatore interno a Facebook che si chiama NPE Team, una casa di sviluppo realizzata appositamente per spingere gli sviluppatori a sperimentare con nuove app. Il nome del gruppo significa New Product Experimentation, e il suo scopo è quello di mettere alla prova nuove idee capaci di attirare l'attenzione degli utenti per eventualmente utilizzarle all'interno dei prodotti della casa madre o svilupparle come app o servizi separati.

Non stupisce dunque che Hobbi non sia nato già legato a doppio filo a Facebook, Instagram e WhatsApp, né che il lancio non sia stato annunciato. L'app in effetti è disponibile solo per iOS e solamente negli app store di alcuni Paesi, tra i quali l'Italia ancora non figura; potrebbe arrivare a breve anche da noi o potrebbe sparire in pochi mesi dalla circolazione: Facebook ha già messo in conto entrambe le possibilità, così come per gli altri progetti nel cantiere di NPE Team.