4 Giugno 2021
16:03

Facebook rischia una multa da 8,5 miliardi dall’Antitrust UE

L’autorità guidata da Margarethe Vestager ha aperto un’indagine per determinare se il social network stia gestendo in modo scorretto il suo portale di piccoli annunci Facebook Marketplace, sfruttando la propria ubiquità per tagliare fuori dalla competizione altri portali che propongono online la stessa tipologia di servizio.
A cura di Lorenzo Longhitano

Facebook è ancora nel mirino dell'autorità antitrust dell'Unione Europea. L'istituzione guidata da Margarethe Vestager ha annunciato in queste ore di aver aperto un'indagine sul gruppo fondato e guidato da Mark Zuckerberg con l'ipotesi di abuso di posizione dominante; lo scopo è determinare se il social network stia gestendo in modo scorretto il suo portale di piccoli annunci Facebook Marketplace, sfruttando la propria ubiquità per tagliare fuori dalla competizione altri portali che propongono online la stessa tipologia di servizio. La notizia è arrivata in queste ore e le indagini saranno condotte insieme alla Competition and Markets Authority – l'autorità britannica omologa all'Antitrust europea.

Le indagini dell'Antitrust

Il punto centrale della questione è che Facebook raccoglie numerosi dati sia dai suoi utenti che dalle aziende che decidono di utilizzare la piattaforma per promuoversi presso potenziali nuovi clienti. Tra queste aziende ci sono anche gruppi attivi nell'ambito dei piccoli annunci, che promuovono dunque servizi in competizione con Facebook Marketplace; l'ipotesi è che Facebook utilizzi i dati ricavati da queste aziende per migliorare il proprio servizio e rendersi più appetibile nei confronti della potenziale clientela, scavalcando le stesse aziende per le quali dovrebbe fare invece promozione sul suo portale.

Le denunce che hanno portato all'apertura delle indagini sono partite proprio dalle aziende rivali di Facebook, e più in generale le attività della Commissione si concentreranno sul legame tra il social e Facebook Marketplace: le due realtà dovrebbero rimanere ben distinte tra loro, ma il fatto che il servizio di annunci sia integrato in un portale diffuso come Facebook potrebbe costituire un ulteriore elemento che avvantaggia ingiustamente il gruppo di Zuckerberg nei confronti degli altri portali dedicati.

Le accuse a Facebook

Se l'Antitrust dovesse dimostrare la fondatezza delle proprie accuse, Facebook si troverebbe colpevole di comportamento anticoncorrenziale e/o di abuso di posizione dominante secondo gli articoli 101 e 102 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea. Le indagini – ha anticipato l'Autorità – verranno portate avanti con priorità, anche se potrebbero comunque protrarsi a lungo. Sul piatto del resto c'è una multa salata: queste violazioni possono costare alle aziende fino al 10 percento del loro fatturato annuo complessivo, che per il gruppo Facebook l'anno scorso è stato di oltre 85 miliardi di dollari e porterebbe a una sanzione da 8 miliardi e mezzo.

L'Europa ha accusato Apple di abuso di posizione dominante: rischia fino a 27 miliardi di multa
L'Europa ha accusato Apple di abuso di posizione dominante: rischia fino a 27 miliardi di multa
Amazon rischia una multa UE da quasi mezzo miliardo per violazione del GDPR
Amazon rischia una multa UE da quasi mezzo miliardo per violazione del GDPR
WhatsApp rischia una multa da 50 milioni di euro per violazione delle norme sulla privacy
WhatsApp rischia una multa da 50 milioni di euro per violazione delle norme sulla privacy
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni