Facebook ha annunciato di voler iniziare ad utilizzare la sua tecnologia di riconoscimento facciale per avvisare gli utenti quando qualcun altro carica sul portale immagini che li ritraggono senza però taggarli. L'azienda ha pubblicato una nota nella quale ha spiegato che la nuova funzione sarà opzionale e chi non vorrà utilizzarla potrà disattivarla dalle impostazioni. Tutti gli altri, invece, potranno essere notificati quando sul social network appare una loro foto: secondo Facebook molte persone preferiscono sapere se qualche utente al di fuori della loro cerchia di amici carica un'immagine che li ritrae.

La funzione, che non sarà attiva da subito in Canada ed Europa, si basa sull'analisi che Facebook è in grado di fare su tutte le foto nelle quali siamo già taggati. In base a queste, l'algoritmo del social network è in grado di creare una "mappa" del nostro volto da confrontare con tutti i volti presenti nelle foto caricate su Facebook. Quando il sistema individua la presenza della nostra faccia in una qualsiasi delle immagini caricate dagli utenti della piattaforma, d'ora in poi avviserà il legittimo proprietario della presenza di quella fotografia.

Se invece si decide di non utilizzare la funzione, Facebook cancella definitivamente la "mappa" del nostro volto. Le notifiche riguarderanno le fotografiche accessibili dagli utenti interessati: se chi l'ha caricata ha reso l'immagine privata, noi non riceveremo la notifica anche se in quella foto c'è il nostro volto. Il sistema notificherà gli utenti anche se le foto vengono caricate come immagini del profilo, per evitare impersonificazioni. Tutte queste funzioni saranno attivabili e disattivabili a piacere. "Pensiamo sia importante avere un metodo semplice per controllare la tecnologia di riconoscimento facciale" ha spiegato Rob Sherman, capo della privacy di Facebook.