C'è chi li guarda regolarmente durante il giorno, ma lo zoccolo duro dei fan li conosce come i compagni delle notti insonni. Sono i rudimentali costruttori del canale YouTube The Survival, che nei loro video mostrano come costruiscono strutture in argilla che spaziano dalle case alle piscine sotterranee. L'abilità di questi costruttori nel realizzare opere architettoniche in maniera apparentemente rapida gli ha garantito un enorme successo, anche grazie a una serie di video molto semplici e quasi rilassanti, che in molti guardano di notte quando non riescono a dormire. Ora è arrivato anche il riconoscimento da parte di YouTube: la targa d'oro per il milioni di iscritti.

In realtà i The Survival hanno già 1,6 milioni di iscritti, ma l'immagine di loro con in mano la targa di YouTube sta facendo il giro dei social network. Creato nel 2018, il canale YouTube ha un approccio molto semplice e simile a quello dei canali che hanno avviato questo trend: costruire strutture anche complesse utilizzando materiali come argilla, bambù e legno. Su YouTube sono presenti diversi canali con questo approccio, tutti con diversi milioni di iscritti (a onor del vero, The Survival è quello caratterizzato da numeri più bassi).

Nel caso del canale YouTube premiato dal portale con il pulsante d'oro, le costruzioni vengono realizzate in Cambogia, dove peraltro nascono anche altri canali basati sullo stesso concetto. Non tutto quello che si vede in questi filmati è però vero. A quanto pare, dopo un iniziale successo dei gruppi che realmente realizzavano strutture di questo tipo a mano, gli ultimi canali e video (compreso The Survival) utilizzano un po' di "magia" cinematografica per portare a termine le opere. Tra uno stacco a l'altro, infatti, i lavori sarebbero portati avanti da più persone e, soprattutto, tramite l'ausilio di strumenti ben più tecnologici e avanzati rispetto ai bastoni e falci che si vedono poi nel prodotto finale. Che resta comunque molto godibile, soprattutto alle 3 del mattino quando dovresti dormire ma vuoi proprio vedere come viene costruito un tempio sotterraneo in mezzo alla foresta.