gmail bug autocompletamento

Google ha lanciato Gmail Go, l'ultima applicazione ad entrare nella lista delle versioni "Go" delle app più popolari di Big G, cioè le varianti di quelle più famose pensate per i cellulari vecchi e che quindi non supportano pienamente tutte le funzioni avanzate delle ultime versioni. Gmail Go è pensata per gli smartphone caratterizzati da specifiche basilari e processori di fascia bassa oppure per quei paesi dove la connettività è limitata o molto costosa e quindi sono preferibili app che consumano poca banda. Gmail Go è esattamente questo.

Le funzioni di base di Gmail resteranno invariate: l'applicazione consentirà di accedere a più account, filtrerà le email per tipologia, avviserà gli utenti con notifiche, fornirà 15 GB di spazio gratuito e consentirà di leggere e rispondere anche offline. Altre funzionalità non essenziali, però, non saranno presenti, come il caricamento automatico delle immagini. In questo modo l'applicazione risulta essere meno gravosa sia sulla ROM che sulla RAM. L'app ha inoltre un peso di circa 10 MB in fase di download, praticamente la metà di quella completa.

Una volta installata, Gmail Go occupa 25 MB, anche in questo caso la metà dei 47 MB richiesti dall'applicazione normale. Per il resto, anche dal punto di vista grafico, l'applicazione non è poi così differente dall'applicazione di Gmail che un po' tutti abbiamo imparato a riconoscere negli ultimi anni. In questo caso, però, il software non solo richiede meno spazio ma è anche meno gravoso sul traffico dati, che in questo caso è ridotto al minimo proprio per facilitare il suo utilizzo nei paesi dove la connessione al web risulta essere ancora limitata da piani estremamente costosi e che offrono pochi MB al mese. Gmail Go è disponibile gratuitamente per Android all'interno del Play Store di Google.