Presentato come una rivoluzione, accolto tiepidamente, il servizio per giocare in streaming Google Stadia continua a far parlare di sé per i problemi tecnici che lo riguardano. A pochi giorni dal suo esordio sul mercato, avvenuto lo scorso 19 novembre, diversi utenti hanno riportato su Reddit che il surriscaldamento di Chromecast Ultra di Google provoca l'arresto di Stadia. Chromecast Ultra è un dispositivo prodotto da Google che permette di inviare flussi audio/video al televisore tramite tecnologia wireless. Secondo le lamentele degli utenti, tale dispositivo si surriscalda in maniera elevata, a tal punto da causare la disconnessione dal servizio di gaming in streaming di Google. Di conseguenza gli utenti devono resettare per riprendere la partita interrotta.

In realtà il surriscaldamento del Chromecast Ultra non è una scoperta legata a Google Stadia, ma è un aspetto noto sin dalla sua uscita. Gli stessi dirigenti del colosso tecnologico di Mountain View hanno dichiarato che il surriscaldamento è normale, e non dovrebbe provocare alcuna interruzione dei servizi. In particolare non è ancora ufficiale nessuna correlazione tra il calore emanato dal Chromecast Ultra con la disconnessione di Stadia. "Sappiamo che qualsiasi sorta di calore emanato da un dispositivo sia preoccupante, ma possiamo confermare che non vi è alcun problema con il surriscaldamento termico di Chromecast Ultra"- riporta Google – "Durante un normale utilizzo (tipo guardare video di gatti su YouTube), la superficie del dispositivo può essere calda al tatto, ma funziona così com'è stato pensato".

Mancano quindi le conferme ufficiali da parte di Google ma, considerando che Stadia ospiterà la risoluzione in 4K per gli abbonati premium, è facile aspettarsi un lavoro maggiore di Chromecast Ultra e dunque un maggiore surriscaldamento. Difficile, a partire qui, capire come si risolverà la vicenda: le lamentele degli utenti e le dichiarazioni di Google vanno in direzioni opposte, e una possibilità è che le unità coinvolte nei malfunzionamenti siano difettose; per saperne di più occorrerà però attendere.