15 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Google vicina all’acquisto di Waze per 1.3 miliardi di dollari

La notizia che si attendeva da tempo e che sembra finalmente aver trovato conferma. La firma arriverà durante il corso della settimana. Google pronta ad incrementare la qualità delle proprie mappe?
A cura di Bruno Mucciarelli
15 CONDIVISIONI
Immagine

Vita dura per le startup che hanno successo. Molti sono gli esempi che hanno portato giovani promettenti aziende di sviluppatori ad essere acquistate ed incamerate in grandi colossi tecnologici quali Apple, Google o magari Facebook. Se nelle scorse settimane si era esternata la notizia per la quale Waze, società israeliana ideatrice di un originale metodo di navigazione mobile, potesse essere nelle mire del colosso di Palo Alto di Zuckerberg, oggi giunge la quasi conferma che la stessa sarebbe stata acquisita da Google.

Waze utilizza la base delle funzionalità di un classico navigatore associandolo alla interattività con i propri utenti che segnaleranno quindi problematiche o qualsiasi altra situazione stradale. Un’ottima risorsa visto che nel suo ultimo anno è riuscita a triplicare i propri utenti raggiungendo oltre 45 milioni di unità, con addirittura oltre un milione e mezzo di persone che hanno scaricato liberamente nei propri smartphone l’applicazione. Un'applicazione realizzata dalla community che dunque ha scatenato la volontà da parte del colosso di Mountain View decisamente famoso per la precisione e la qualità delle proprie mappe satellitari.

Secondo il The Wall Street Journal i giochi si sarebbero già conclusi e Google avrebbe prevalso sui precedenti concorrenti, quali appunto Facebook ed Apple, aggiudicandosi la startup per una cifra pari a 1.3 miliardi di dollari. Un potenziale decisamente elevato con l’interesse delle tre più grandi realtà mobile che non ha potuto che rendere conto in queste settimane. Apple su Waze sembra non aver trovato soluzioni a livello finanziario a causa del prezzo particolarmente elevato in trattativa.

Per quanto riguarda invece Facebook, secondo le rivelazioni degli ultimi minuti, avrebbe voluto obbligatoriamente spostare Waze in California per un maggiore e migliore controllo, un monito che non sarebbe molto piaciuto agli sviluppatori e responsabili dell'app. Via libera dunque alla proposta di Google più convincente, non avendo inserito clausole particolari nel contratto di acquisizione. L'azienda di Larry Page potrebbe aiutare lo stesso Waze a migliorarsi ancora, implementando molti dei servizi sociali in Maps e rendendo ancora più completa l’esperienza di navigazione su smartphone Android o iOS.

15 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views