È ancora una volta l'Inps a finire nel mirino degli hacker e al centro di una truffa di phishing che sta colpendo diversi utenti italiani. Lo ha segnalato lo stesso istituto sul proprio portale web, dove ha sottolineato la diffusione di una serie di email che provano a ottenere i dati delle carte di credito degli utenti spacciandosi per comunicazioni ufficiali da parte dell'Inps. Ovviamente il vero istituto di previdenza non ha nulla a che fare con l'invio di questi messaggi e, anzi, chiede a tutti gli utenti di fare molta attenzione e di non fornire informazioni personali.

"L’Inps avvisa gli utenti che è in corso un tentativo di truffa tramite email di phishing finalizzata a sottrarre fraudolentemente il numero della carta di credito, con la falsa motivazione che servirebbe a ottenere un rimborso o il pagamento del Bonus 600 euro" si legge nella nota dell'Inps. "Si invitano tutti gli utenti ad ignorare email che propongono di cliccare su un link per ottenere il pagamento del Bonus 600 euro o qualsiasi forma di rimborso da parte dell’Inps". Nella finta email, infatti, viene indicata la possibilità di ottenere il bonus del Decreto Cura Italia, ma solo a patto di indicare il proprio numero di carta di credito e il codice di sicurezza.

La truffa punta quindi a ottenere dati sensibili che consentirebbero agli hacker di sottrarre denaro dagli utenti meno attenti che possono cascare nel tranello. "Si ricorda che le informazioni sulle prestazioni Inps sono consultabili esclusivamente accedendo direttamente dal portale www.inps.it e che l’Inps, per motivi di sicurezza, non invia in nessun caso mail contenenti link cliccabili" conclude la nota. Come per le altre truffe, anche in questo caso il consiglio è sempre quello di fare estrema attenzione alle comunicazioni truffaldine di questo tipo e di non inviare dati personali se vengono richiesti per email.