17 Novembre 2014
12:44

Hemingwrite, la macchina da scrivere tecnologica che elimina le distrazioni

Una macchina da scrivere del 21esimo secolo. Si chiama Hemingwrite e per ora è solamente un prototipo, ma il successo avuto nelle ultime settimane ha spinto gli ideatori a pensare seriamente ad una produzione su larga scala.
A cura di Marco Paretti

Avete mai desiderato fare un salto nel passato per trovarvi a spingere i tasti di una di quelle metalliche ed affascinanti macchine da scrivere di una volta? Utilizzarle adesso sembrerebbe quasi anacronistico, eppure il loro fascino è rimasto invariato nel tempo. Tanto da spingere alcuni sviluppatori a creare un'evolutissima macchina da scrivere digitale, la compagna perfetta per gli Hemingway del 21esimo secolo.
Si chiama proprio Hemingwrite ed è un prodotto tanto assurdo quanto intrigante. L'apparecchio non possiede altre funzionalità se non quella della scrittura e offre la possibilità di scrivere testi senza distrazioni combinando la semplicità dei software degli anni '90 con le moderne tecnologie al centro della nostra vita: backup in cloud e compatibilità con editor di testo come Google docs ed Evernote.

"Hemingwrite è il Kindle della scrittura" si legge su sito del produttore. In effetti le caratteristiche vincenti ci sono tutte; più di sei settimane di autonomia, un milione di pagine di memoria, tastiera meccanica completa, schermo e-ink retroilluminato, sincronizzazione cloud e magnifico design vintage.
Il fiore all'occhiello di Hemingwrite, però, è l'assenza di qualsivoglia distrazione durante la scrittura. Nessuna notifica, applicazione o funzionalità aggiuntiva: Hemingwrite è progettata per svolgere una sola funzione, scrivere. Certo, per ottenere questo risultato sono disponibili molte applicazioni su App Store o Play Store (Momentum Writer, IAwriter), ma nessuna di queste app permette di assaporare la sensazione di digitare su una vera macchina da scrivere.

"Io e Patrick abbiamo avuto l'idea per Hemingwrite dopo una discussione sulla produttività legata alla scrittura" ha spiegato Adam Leeb, co-fondatore della start-up "Abbiamo parlato del nostro desiderio di scrivere senza possedere l'abilità di creare testi come i professionisti. Avevamo bisogno di tutto l'aiuto e la concentrazione possibile. A quel punto è arrivata l'ispirazione: e se ci fosse un device in grado di rimuovere tutte le distrazioni migliorando l'esperienza di scrittura?"
Da lì è partita l'idea, la quale si è concretizzata nel primo prototipo di Hemingwrite. L'attuale stato del dispositivo è infatti quello di pieno sviluppo, ma il successo raccolto nelle ultime settimane potrebbe aver smosso qualcosa dal punto di vista della produzione, convincendo i creatori dell'esistenza di un mercato per un prodotto così particolare. Nei prossimi mesi sentiremo sicuramente parlare ancora di Hemingwrite.

Siri provoca il più alto tasso di distrazione alla guida di un'auto
Siri provoca il più alto tasso di distrazione alla guida di un'auto
Come scrivere un libro con le conversazioni WhatsApp
Come scrivere un libro con le conversazioni WhatsApp
Amazon, i regali di Natale più venduti nel 2014: Kindle, videogiochi e prodotti tecnologici
Amazon, i regali di Natale più venduti nel 2014: Kindle, videogiochi e prodotti tecnologici
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni