23 Luglio 2021
13:14

Il clone digitale di un’opera di Banksy è all’asta come NFT, ma lui non c’entra niente

L’oggetto in questione è una riproduzione in 3D di Spike, un lavoro che risale al 2005 finito nelle mani proprio del proprietario di Valuart. Alla base dell’operazione c’è però un potenziale problema: nel realizzare e vendere la riproduzione digitale l’artista originale potrebbe non essere stato interpellato.
A cura di Lorenzo Longhitano

Un'opera d'arte reale, trasformata in una copia digitale e poi rivenduta come un oggetto unico attraverso NFT: è l'operazione alla base dell'asta online che si è aperta nelle scorse ore sull'appena nato portale Valuart, di proprietà del tenore Vittorio Grigòlo. L'asta che si sta tenendo in questi minuti è finita però sotto i riflettori non solo per via della singolare tipologia di opera che ne è oggetto, ma anche perché si basa su un lavoro del celebre artista Banksy: l'oggetto in questione è infatti una riproduzione in 3D di Spike, un lavoro che risale al 2005 finito nelle mani proprio del proprietario di Valuart. Il potenziale problema alla base dell'operazione è che nel realizzare e vendere questa riproduzione digitale sembra che l'artista originale non sia stato interpellato.

L'opera in vendita

La versione originale di Spike è di fatto una pietra che Banksy ha estratto dalla barriera israelo-palestinese e nascosto in territorio palestinese. L'artista l'ha contrassegnata con la scritta Spike e l'ha promessa in regalo a chiunque riuscisse a ritrovarla. Non è chiaro come l'opera sia finita nel patrimonio del fondatore di Valuart, sta di fatto che quella che è stata messa all'asta sul portale non è la pietra originale, ma un suo derivato virtuale. Dei tecnici l'hanno realizzata con un programma di modellazione 3D e ne hanno realizzato un'opera video corredata dal cantato del tenore: si tratta di fatto di un oggetto virtuale, che sarà venduto al migliore offerente in un formato particolare: i file digitali che compongono video e audio dell'opera e un certificato di autenticità basato su NFT, una tipologia di contratto online permanente basato su tecnologia blockchain.

I dubbi sull'asta online

Da questo aspetto arrivano i dubbi espressi da alcuni osservatori online. Da una parte infatti mettere in vendita un'opera d'arte, online oppure offline, non crea generalmente problemi: si tratta di un semplice atto di compravenita in cui il possesso di un bene già esistente passa dalle mani di una persona a quelle di un'altra a un prezzo stabilito dalle leggi di mercato. Quella finita all'asta nelle scorse ore è però la riproduzione di un lavoro altrui: una nuova opera è stata creata a immagine di un'altra sulla quale i diritti – secondo le leggi in materia di copyright – li ha l'autore originale. Banksy non ha rilasciato dichiarazioni in merito all'asta e Valuart non ha fornito dettagli in merito alla questione; se davvero l'artista di Bristol non avesse dato il suo assenso alla riproduzione digitale della sua opera, l'asta potrebbe concludersi in modo imprevisto.

L'arte digitale degli NFT ha un enorme problema di inquinamento
L'arte digitale degli NFT ha un enorme problema di inquinamento
Il meme di Disaster Girl è stato venduto con un NFT, e la protagonista ora è ricca
Il meme di Disaster Girl è stato venduto con un NFT, e la protagonista ora è ricca
Jeff Bezos andrà nello spazio con la sua Blue Origin: ecco quando
Jeff Bezos andrà nello spazio con la sua Blue Origin: ecco quando
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni