I filtri fotografici su Instagram, Snapchat e le altre app di condivisione social hanno abituato milioni di utenti a mettersi nei panni altrui con filtri in realtà aumentata che cambiano l'aspetto del loro volto, a volte in modo sottile altre volte in modo più drastico. Da oggi tra le centinaia di filtri a disposizione su Instagram c'è #Beautyligo, un'idea dell'attrice Kasia Smutniak che simula sul volto degli utenti gli effetti della vitiligine — condizione della quale la Smutniak è interessata ormai da tempo.

Il post su Instagram

Ad annunciarlo è stata la stessa attrice con un post sulla sua pagina Instagram, nel quale ricorda il momento in cui ha pubblicato sul social la prima foto con le caratteristiche macchie sul volto. "Da un lato ero fiera di aver mostrato una nuova me" ha raccontato la Smutniak "dall'altro avevo paura di non essere accettata, nel mio lavoro per esempio o di sentirmi derisa, osservata". Poi l'idea di trasformare la condizione in un filtro di bellezza per Instagram, per mettere tutti nelle condizioni di provare sul proprio volto "come saresti con la vitiligine".

Non è passato nemmeno un anno da quando ho postato la mia prima foto con la vitiligine. Quel momento di timore e di incertezza per il “dopo”, non lo scorderò mai. Da un lato ero fiera di aver mostrato una nuova me, dall’altro avevo paura di non essere accettata, nel mio lavoro per esempio o di sentirmi derisa, osservata. E sapete cosa è successo dopo? Nulla. Non è successo proprio nulla. O meglio, nulla di eclatante. Sono arrivati tanti commenti di sostegno e di condivisione. E ne sono seguiti altri e altri ancora, ma soprattutto, io ho smesso di vedere le macchie. Proprio come i nei. Sai che ci sono, però non ci fai tanto caso. Perché è naturale e fanno parte di te. Oggi posso dire che la vicinanza delle tante persone con la mia stessa “particolarità” è stata preziosa per il mio percorso. Poi un giorno ho pensato: “Esistono centinaia di filtri Insta che ti rendono più bello, più brutto, più gatto, più astronauta o più non so che cosa. … perché non fare un filtro di bellezza che ti fa vedere come saresti con la vitiligine”? E così mi sono messa al lavoro per realizzare il mio filtro di bellezza che ho chiamato #Beautyligo e sarei felice se lo provassimo tutti, in omaggio alla bellezza della diversità. Un tema che, vitiligine o no, mi sta molto a cuore. Trovi il filtro nelle stories o nella sezione “filtri” sul mio profilo (quella faccina che brilla insomma) prendi la posa, sentiti bell@ e scatta la foto: più siamo, meglio è. #Beautyligo #labellezzadelladiversità

A post shared by Kasia Smutniak (@lasmutniak) on

Come funziona il filtro #Beautyligo

Il filtro si trova sul profilo dell'attrice e funziona come una normale maschera in realtà aumentata, che riconosce il volto della persona inquadrata dalla fotocamera e applica in tempo reale e in sovrimpressione degli effetti grafici che ne seguono i movimenti. Anziché applicare trucco, aggiungere orecchie animali o sovrapporre copricapi o trasformare l'intero volto, #Beautyligo simula gli effetti della vitiligine: schiarisce cioè alcune aree del volto nella caratteristica disposizione a chiazze tipica della condizione.

L'attrice ha raccontato di essersi sentita sollevata dopo aver pubblicato la sua prima foto con la vitiligine in evidenza, e che il processo l'ha aiutata a "smettere di vedere le macchie" e considerare la sua condizione alla stregua di un segno particolare, come un neo. La sua speranza ora è che #Beautyligo diventi "un omaggio alla bellezza della diversità", e che per questo lo provasse un maggior numero possibile di persone. In poche ore hanno già risposto all'appello in tanti, tra i quali non mancano celebrità come Cristiana Capotondi e Isabella Ferrari.