Il Super Bowl è sempre stato una piccola fucina di meme. Quasi ogni performance dell'halftime show, cioè lo spettacolo musicale che spezza tutte le edizioni del grande evento sportivo, riesce a far emergere un meme che viene poi ripreso dal web nei giorni successivi. Anche nel caso dell'edizione 2020 è stato così, ma questa volta il "meme" rappresenta anche un'ottima occasione per riflettere su come l'esibizione di Shakira – e di Jennifer Lopez – abbia portato sul palco diversi elementi legati alla cultura araba.

Cos'è lo zaghrouta

Prima di tutto, il meme: ad un certo punto della sua esibizione, Shakira si è rivolta verso la camera e ha fatto un verso molto particolare, tirando fuori la lingua e producendo un suono molto vibrato e acuto. Ad un orecchio non allenato potrebbe sembrare un semplice – quanto strambo – abbellimento, ma in realtà quel particolare verso ha un significato molto più importante. Si chiama zaghrouta ed è un canto celebrativo arabo utilizzato per esprimere gioia. L'associazione turco-americana lo descrive come un "lungo, vibrante e alto suono rappresentante squilli di gioia".

Non è un caso che Shakira lo abbia utilizzato: nella sua musica sono presenti forti richiami alla cultura araba e nei suoi show ha spesso integrato elementi legati ad essa. Ha senso, quindi, che durante una delle esibizioni più importanti della sua vita questa pratica sia emersa così tanto. Come sottolinea qualche utente su Twitter, peraltro, lo zaghrouta non è l'unico elemento legato alla cultura mediorientale ad essere finito nello show del Super Bowl di Shakira. "Dovete capire quanto grandiosa è stata la performance di Shakira per il Medio Oriente e la sua comunità" ha scritto un utente su Twitter. "Ha ballato la danza del ventre, suonato il mijwiz e il derbeke, cantato "Ojos Asi", una delle canzoni con frasi arabe, e prodotto un zaghrouta".