Il futuro delle macchine volanti potrebbe arrivare molto prima di quanto ci si aspetti. E sicuramente potrebbe iniziare dal New Hampshire dove il governatore Chris Sununu ha firmato un disegno di legge, la HB 1182, che ha reso il New Hampshire il primo stato negli Stati Uniti d'America a consentire la circolazione di auto volanti sulle sue strade pubbliche. I piloti potranno guidare dagli aeroporti alla loro destinazione terrestre finale.

Il New Hampshire è il primo stato ad aver consentito l'uso di auto volanti sulle sue strade. Non esistono in realtà ancora vere e proprie auto volanti consentite dalla legge, tuttavia il New Hampshire  apre le strada alla possibilità che le auto volanti possano circolare. Se gli automobilisti temono di essere superati in strada da veicoli che volano e sfrecciano nei cieli al momento l'idea è ancora lontana. "Questo è un evento emblematico e i primi ad adottare questo tipo di legislazione statale saranno i leader di una nuova tecnologia di trasporto", ha affermato Sam Bousfield, CEO di Samson Sky, una delle tre società che attualmente producono automobili volanti. "Questo è qualcosa che il pubblico brama da decenni di vedere".

Il primo prototipo di auto volante, l'Autoplane, è stato ideato nel 1917 dall'aviatore Glen Curtiss, uno dei fondatori dell'industria aeronautica americana. Il prototipo di Curtiss aveva le ali rimosse e riusciva a raggiungere una velocità di 45 mph sulla strada, ma non fu mai in grado di effettuare un volo prolungato. Samson Sky, Terrafugia e Pal-V sono oggi le maggiori società che producono veicoli volanti, per poterli guidare necessità una patente di guida di autovetture e una patente aerea. L'HB 1182 stabilisce le procedure attraverso le quali è possibile registrare e ispezionare gli "aeromobili stradali", consentendo loro di utilizzare l'infrastruttura disponibile per altri veicoli a motore. Tuttavia, è vietato atterrare o decollare su strade pubbliche.