Dopo la saga di Final Fintasy, un progetto ambizioso su un tema probabilmente mai toccato dal mondo dei videogiochi: quello delle paralimpiadi. È la sfida scelta dall'ex direttore di Final Fantasy XV, Hajime Tabata, che pochi mesi dopo aver lasciato improvvisamente la casa di sviluppo della fortunata saga ha finalmente annunciato nome e caratteristiche del nuovo gioco al quale sta lavorando: si chiama The Pegasus Dream Tour, uscirà alle porte della competizione mondiale che si terrà a Tokyo nel 2020 e sarà il primo videogioco ufficiale che abbia mai ricevuto l'avallo del Comitato Paralimpico Internazionale.

Da mesi si sapeva che Tabata fosse al lavoro su un nuovo videogioco: all'uscita da Square Enix, avvenuta a ottobre dell'anno scorso, era stato lui stesso a parlare di un progetto che avrebbe voluto a tutti i costi trasformare in realtà, aggiungendo che a questo scopo avrebbe fondato un propria società; del titolo però bon erano stato diffuso alcun particolare. Ebbene lo studio — JP Games — ha aperto i battenti nelle prime settimane del 2019 e il suo primo lavoro sembra proprio sarà The Pegasus Dream Tour. Il titolo sarà un gioco di ruolo con ambientazione sportiva, nel quale i giocatori interpreteranno atleti paralimpici in competizione in una edizione fantasy dei giochi, che si tiene in un universo parallelo e in una cittadina fittizia chiamata Pegasus City. Del gioco in realtà non sono stati diffusi numerosi dettagli, se non appunto il tema, l'ambientazione e il fatto che come in ogni gioco di ruolo che si rispetti i personaggi avranno a disposizione poteri speciali da sfruttare per primeggiare sugli avversari.

Purtroppo tra i dettagli omessi mancano anche le console e i prodotti sui quali sarà disponibile il gioco, e nel comunicato si parla solo di varie piattaforme tra le quali gli smartphone. In ogni caso, sicuramente le informazioni da JP Games non tarderanno ad arrivare: i giochi paralimpici di Tokyo 2020 avranno inizio il 25 agosto 2020, una data che considerati i tempi di sviluppo tipici di un videogioco non è così lontana come sembra.