Da sempre Facebook cerca di utilizzare le relazioni e le interazioni tra i suoi utenti — che siano amici, familiari, colleghi o conoscenti — per capire quali siano gli interessi dei singoli iscritti e cosa piaccia loro vedere sulle pagine del social. A partire dai prossimi giorni però, per migliorarsi in quest'ambito in questi giorni sta ricorrendo a uno stratagemma finora inedito: chiedere esplicitamente agli utenti chi siano i loro migliori amici presenti sul social. La società ha annunciato la novità tramite un comunicato ufficiale, spiegando che in realtà non farà questa domanda all'intera popolazione di Facebook, ma si limiterà a un campione ristretto.

Facebook cerca la formula dell'amicizia

In sostanza, Facebook vuole insegnare ai suoi algoritmi come si comportano sul social due persone che si reputano migliori amiche: quanto spesso si lasciano commenti, quanti like si scambiano, quante volte si visitano le bacheche a vicenda, e così via. Una volta ottenuto un campione sufficientemente ampio di risposte e analizzati i comportamenti delle persone coinvolte, la speranza è che gli algoritmi possano fare un lavoro inverso sul resto del pubblico; capire cioè, sulla base delle interazioni tra due persone, che tipo di legame occorra tra loro, e usare questa informazione per proporre contenuti più rilevanti per tutti.

Lo scopo: il nuovo News Feed

Stando a Facebook questo non vuol dire che in futuro le pagine degli utenti saranno piene di aggiornamenti provenienti direttamente dai migliori amici, ma semplicemente che sarà messo in rilievo materiale più affine alle inclinazioni di ognuno. Gli interventi delle persone ritenute più importanti per un utente dagli algoritmi compariranno più in alto nel suo feed delle notizie, ma il concetto vale in generale per la tipologia di contenuti proposta. Dal momento che un utente condivide mediamente più interessi con il suo migliore amico che con un collega di lavoro, algoritmi più precisi nel distinguere la differenza potranno trarre ispirazione su cosa proporre a ciascuno utilizzando i like e il comportamento online degli amici più stretti.