368 CONDIVISIONI
9 Aprile 2013
12:26

Il porno e la pirateria scaricati nello Stato del Vaticano

Una recente ricerca del sito TorrentFreak svela che anche in Vaticano è presente il fenomeno relativo al download di materiale pirata e filmati pornografici.
A cura di Daniele Cretella
368 CONDIVISIONI

I dieci comandamenti hanno bisogno di un aggiornamento nell' era di Internet? Se non ci sono dubbi sul fatto che con le parole Non rubare il settimo comandamento (per la fede cristiana) prevede tutte le ipotesi di furto fisico, alcune deroghe sembrerebbero essere ammesse per quanto riguarda il download di contenuti pirata. O almeno, è questo quello che emerge da una recente ricerca realizzata dal sito TorrentFreak controllando le connessioni provenienti dallo Stato del Vaticano. Ma la faccenda sembra essere decisamente più interessante.

Il sito, infatti, riporta la testimonianza di Paul Flynn, il proprietario di un negozio di videonoleggio all' interno della città irlandese di Limerick, il cui parroco, oltre ad essere uno dei suoi più affezionati clienti, sembrerebbe essere un amante del cinema (in particolare quello statunitense). Al punto da non preoccuparsi eccessivamente del modo in cui ottenere un film.

A gennaio ha detto di aver visto Lincoln la sera prima, così gli ho chiesto se l' avesse visto al cinema, e lui ha risposto: no, facciamo un cineforum ogni settimana in chiesa.

Naturalmente, il film in questione (ma non sarebbe l' unico) non è ancora disponibile in versione DVD e l' unica alternativa per poterlo visualizzare a casa oggi sarebbe quella del download pirata. Ma evidentemente, tale pratica non viene avvertita come un furto. O almeno non per la legge divina che con Non rubare, probabilmente, per il parroco non prevede l' ipotesi del downaload pirata.

Incuriosito dalla vicenda, il sito TorrentFreak ha dunque deciso di effettuare una ricerca relativa al download dei torrent all' interno dello Stato del Vaticano per verificare se la deroga al comandamento fosse comunemente accettata anche tra le mura del più piccolo Stato del mondo.

Ebbene, la risposta sembra proprio essere affermativa. Secondo il sito, infatti, un indirizzo IP in particolare avrebbe ripetutamente effettuato il download di torrenet relativi a spettacoli TV (anche in questo caso perlopiù statunitensi) e diversi film. Tra i file scaricati illegalmente, poi, ce n'è uno che sembra essere decisamente compromettente. Si tratterebbe di un filmato intitolato RS77_Episode 01 che, dopo una rapida ricerca, sembrerebbe essere nient' altro che un filmato pornografico.

E' doveroso precisare, però, che nonostante si tratti di connessioni provenienti dallo Stato del Vaticano, non c'è alcuna prova tangibile che i download siano stati effettuati da personalità interne al clero.

368 CONDIVISIONI
Pirateria, class action contro lo Stato italiano
Pirateria, class action contro lo Stato italiano
L'AGCOM torna sul problema della pirateria ed è subito polemica
L'AGCOM torna sul problema della pirateria ed è subito polemica
Wikipedia rischia il blocco per la legge anti-pirateria in Russia
Wikipedia rischia il blocco per la legge anti-pirateria in Russia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni