Come fare ad insegnare ad utilizzare un computer se non si può avere accesso ad un PC? Semplice, si disegnano le schermate dei software più popolari sulla lavagna. È l'idea di Richard Appiah Akoto, un insegnante 33enne di informatica della Betenase M/A Junior High School di Sekyedomase, un istituto a circa due ore da Kumasi, la seconda città più grande del Ghana. Le immagini che ritraggono una sua lezione hanno fatto il giro del mondo e non è difficile capire perché: sulla lavagna della sua classe si vede la finestra di un documento di Microsoft Word, dove, gesso alla mano, spiega ai suoi studenti come utilizzare il software disegnando ogni suo elemento.

"Insegnare informatica in Ghana è molto divertente" ha scritto sul suo profilo Facebook, dove usa il nick Owura Kwadwo Hottish. "Amo i miei studenti quindi faccio ciò che gli consente di comprendere ciò che gli sto insegnando". Cioè ad utilizzare il computer in un paese dove la diffusione dei dispositivi non è così estesa. Eppure, nonostante l'assenza di PC all'interno dell'istituto scolastico, gli studenti dovranno affrontare un esame istituito nel 2011 e che prevede l'utilizzo del programma di editing testuale di Microsoft. Per questo Akoto ha deciso di prepararli al meglio disegnando le finestre digitali del software.

Forse, però, l'iniziativa del docente potrebbe avere dei risvolti reali sui suoi studenti. Una volta diventate virali, le fotografie sono state condivise dall'imprenditrice camerunese Rebecca Enonchong, che su Twitter ha chiesto a Microsoft se potesse smuovere la situazione. L'azienda di Redmond ha prontamente risposto con un altro tweet: "Supportare gli insegnanti per consentire una trasformazione digitale nell'educazione è al centro di ciò che facciamo. Forniremo Owura Kwadwo con un dispositivo dei nostri partner e accesso al nostro programma MCE". Una proposta accolta da Akoto, che però ha spiegato come per la sua classe servirebbero almeno 50 computer.