Credits: CVT Soft Serve, Instagram
in foto: Credits: CVT Soft Serve, Instagram

C'è una gelateria negli Stati Uniti dove gli influencer non ricevono trattamenti speciali. Niente servizio gratuito né coni gelato scontati come spesso ormai si sta abituando a chiedere chi gode di una certa fama sui social, anzi: chi si presenta vendendosi come una celebrità del web paga doppio. È un piccolo camioncino dei gelati di Los Angeles il cui gestore in queste ore è diventato — ironia della sorte — a sua volta famoso in rete per aver esposto un cartello nel quale espone la sua politica di servizio: "gli influencer pagano doppio", appunto.

Il cartello è stato fotografato da un passante che l'ha pubblicato su Reddit, da dove ha poi fatto il giro del mondo fino a attirare l'interesse di numerose testate. Al Guardian, che lo ha intervistato, il proprietario del truck ha raccontato che l'idea del cartello si è resa necessaria proprio per via delle numerose richieste pervenutegli da influencer o presunti tali, che lo contattavano per via telematica o perfino direttamente al camioncino in cerca di collaborazioni. Le collaborazioni proposte purtroppo — racconta il progagonista della vicenda — sono tutte a senso unico: gelato gratis in cambio di una foto con lo sfondo del camioncino e una recensione positiva sui social.

Il fenomeno degli influencer sui social network del resto ormai è fuori controllo da tempo. Oltre ai personaggi con decine di migliaia di follower, le pagine di Instagram e degli altri servizi simili sono affollate di individui con un conteggio di seguaci gonfiato, e che in alcuni casi fingono uno stile di vita da Influencer pagandosi da soli i prodotti che sponsorizzano nella speranza che siano altre aziende a iniziare a dare loro credibilità. Non è una novità neppure il fenomeno degli influencer che richiedono trattamenti di favore o perfino servizi o prodotti gratis, anzi: sono numerosi i ristoranti, gli alberghi e le aziende in tutto il mondo che raccontano la stessa storia al riguardo.

Alcune società dal canto loro non si risparmiano nel proporre collaborazioni sui social ai personaggi più noti, dando vita a rapporti fruttuosi che però danno a parte del pubblico la percezione errata che sia possibile per chiunque pretendere beni in cambio di visibilità, fino ad arrivare al paradosso di chiedere in omaggio un cono gelato da pochi dollari.