jony Ive steve jobs

Con la partenza di Jony Ive da Apple la casa di Cupertino non perde solamente un designer d'eccezione, ma uno dei personaggi che hanno contribuito a imprimere nella mente dei consumatori l'immagine di Apple per com'è percepita oggi: un'azienda che produce dispositivi e offre servizi incredibilmente raffinati, semplici da usare e belli da vedere.

L'influenza di Ive sui gadget Apple ha iniziato a farsi sentire negli anni immediatamente successivi al ritorno in azienda del fondatore Steve Jobs, a cominciare dall'all in one iMac G3, che nel 1998 sfidò la concezione comune secondo la quale i computer sembravano dover essere impersonali e asettici opponendo a quella visione curve irresistibili e una scocca in materiale colorato e semitrasparente. Nel 2001 fu la volta dell'iPod, il lettore Mp3 che fece decollare l'intero settore grazie a un design compatto ed essenziale e alla rotella per scorrere velocemente tra le canzoni memorizzate.

Con iPhone, nel 2007, Ive ha rivoluzionato e continuato a rivoluzionare da allora il mondo degli smartphone, trasformando in oggetti del desiderio una tipologia di gadget fino ad allora considerata di nicchia o dedicata ai professionisti. Nel 2010 toccò ad iPad: alla vigilia del lancio la tavoletta di Apple veniva derisa sia per via del nome scelto che per via del concetto che ne stava alla base, ma a pochi giorni dalla presentazione fece il pieno di consensi e diede slancio ancora una volta a un'intera categoria di prodotti.

Nel 2012 dopo essere stato nominato responsabile per le interfacce utente dei sistemi operativi della società ha ridisegnato completamente iOS dando vita a iOS 7, il più radicale rifacimento estetico del software dalla sua nascita, e ancora oggi alla base della maggior parte di ciò che vediamo sugli schermi di iPhone e iPad. Nel 2015 venne messo a capo del design dell'intera azienda in un ruolo di supervisione sotto il quale sono nate tutte le nuove iterazioni dei prodotti già sul mercato ma anche nuovi gadget come gli auricolari AirPods, il pennino digitale Apple Pencil, lo smart speaker HomePod e l'ultimo Mac Pro.

In più di 25 anni di carriera Ive ha contribuito a definire il look di MacBook, di Apple Watch e di un'infinità di altri prodotti, ma più in generale ha dato un'identità comune a questi gadget, un carattere distintivo che per molti è ormai diventato riconoscibile lontano un miglio ed è ciò che li rende inconfondibilmente Apple. Ad oggi non è noto a chi saranno lasciate le redini di Ive dopo la sua partenza, ma quel che è chiaro è che la missione che spetta al suo successore non sarà semplice.