266 CONDIVISIONI
Covid 19
11 Febbraio 2020
11:10

La Cina ha lanciato un’app che ti avvisa se hai incontrato pazienti a rischio coronavirus

L’app si può installare su qualunque smartphone ma il servizio fornisce informazioni solo dopo essersi registrati con nome, cognome, numero di telefono e numero identificativo assegnato dal governo, e avvisa i cittadini nel caso abbiano frequentato i luoghi dei pazienti a rischio, nello stesso lasso di tempo.
A cura di Lorenzo Longhitano
266 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

L'epidemia causata dal nuovo coronavirus che sta preoccupando in tutto il mondo ha appena mietuto la sua millesima vittima, mentre in tutti i Paesi si stanno intensificando le misure atte a contenere la diffusione della malattia e in Cina, dove si è originato il virus, il governo ha messo in campo il suo controverso apparato di sorveglianza per arginare la minaccia. È quello che emerge dall'uscita, nella serata di sabato, di una speciale app pensata per avvisare gli utenti finiti inconsapevolmente a contatto con una persona contagiata o sospetta tale.

Il software si può installare su qualunque smartphone, mentre per iscriversi al servizio occorrono tre informazioni: nome e cognome, numero di telefono e il numero di identificazione univoco assegnato a ogni cittadino dal governo. Una volta forniti questi dati, l'app scansiona un archivio geolocalizzato relativo alle persone già infettate dal coronavirus e agli spostamenti che hanno compiuto negli ultimi giorni. Le informazioni vengono incrociate con gli spostamenti rilevati sullo smartphone degli utenti, per rivelare a questi ultimi se hanno visitato gli stessi luoghi dei pazienti a rischio, nello stesso lasso di tempo.

Se l'app determina l'esistenza di un rischio consiglia automaticamente all'utente di rimanere a casa e di mettersi in contatto con le autorità sanitarie locali, ma presumibilmente non si limiterà a questo. I dettagli sul funzionamento del software non sono stati resi noti, ma chiedere agli utenti di identificarsi e geolocalizzarli può servire anche in senso inverso: chi secondo l'app è entrato in contatto con pazienti a rischio infezione potrebbe infatti finire a sua volta nella banca dati per contribuire a tracciare l'evolversi dell'epidemia e mettere in guardia altri utenti.

In ogni caso è improbabile che l'app da sola possa evitare agli utenti il contagio: il nuovo coronavirus sopravvive infatti diversi giorni su superfici come plastica, vetro e metallo, rendendo il rischio di diffusione della malattia sostanziale anche senza contatto diretto con chi ne è già affetto. Per rimanere al sicuro dalle infezioni occorre semplicemente mettere in pratica tutte le misure di prevenzione consigliate, tra le quali la più importante di tutte è conservare una buona igiene personale.

266 CONDIVISIONI
27544 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni