smartphone bytedance

ByteDance non avrà una quota di maggioranza nella nuova TiKTok Global, l'azienda statunitense che si creerà in seguito all'accordo con Oracle e Walmart per salvare il servizio negli Stati Uniti. Al contrario di quanto comunicato inizialmente, quindi, la realtà cinese non manterrà, pare, i propri legami con la versione americana di TikTok né avrà potere decisionale sulle sue operazioni. "Creando TikTok Global, Oracle e Walmart faranno i loro investimenti e le azioni della nuova azienda saranno distribuite ai loro proprietari" ha spiegato Oracle in una nota. "Gli americani avranno la maggioranza e ByteDance non avrà diritti di proprietà su TikTok Global".

Un cambio di rotta improvviso rispetto alle informazioni emerse durante il weekend, quando inizialmente l'accordo prevedeva invece una posizione di maggioranza di ByteDance all'interno della nuova azienda americana, con quote di minoranza in possesso di Oracle e Walmart. Fino a oggi, infatti, l'accordo prevedeva una suddivisione pari all'80 percento per quanto riguarda ByteDance e al 20 percento per Oracle/Walmart. Ora, invece, la situazione sembra essersi non solamente ribaltata ma aver portato anche all'esclusione totale della realtà cinese.

Una decisione forse presa in seguito all'annuncio di Trump che, dopo aver approvato ufficiosamente l'accordo tra le due americane e ByteDance, ha anche sottolineato che una eventuale presenza cinese all'interno della nuova azienda non sarebbe stata accettata. E avrebbe quindi annullato il deal. Ora non resta che capire quando questo accordo verrà ufficializzato e, soprattutto, i termini dello stesso, che a questo punto potranno variare di molto nel corso dei prossimi giorni e portare a differenti risultati a seconda della presenza o meno di ByteDance (e quindi della Cina) all'interno della nuova TikTok Global.