12 Novembre 2021
17:09

La guida di WhatsApp contro le truffe online sull’app di messaggistica

I gestori dell’app sono a conoscenza del rischio che corrono gli utenti meno preparati e hanno avviato una campagna mirata a sensibilizzare il pubblico sul tema.
A cura di Lorenzo Longhitano

Il fenomeno delle truffe WhatsApp ormai è fuori controllo in tutto il mondo, e il motivo è molto semplice: la piattaforma di messaggistica è utilizzata da più di due miliardi e mezzo di persone ed è diventata uno dei mezzi di comunicazione più diffusi su tutto il pianeta; criminali e truffatori hanno insomma un vantaggio concreto nel seminare esche su un portale che permette di inviare messaggi gratuiti e aspettare che qualcuno abbocchi. Gli stessi gestori dell'app sono a conoscenza del rischio che corrono gli utenti meno preparati a rispondere alle comunicazioni fraudolente, e per questo hanno avviato una campagna mirata a sensibilizzare questi ultimi sul tema delle truffe online.

La campagna nel Regno Unito

L'iniziativa per il momento è limitata al Regno Unito ed è stata battezzata "Stop, Think, Call", ovvero "Fermati, Ragiona, Chiama", dal nome delle tre azioni che aiutano gli utenti a rimanere protetti dai tentativi di frode su WhatsApp. Come la maggior parte delle operazioni di questo tipo, le truffe WhatsApp si basano sull'ingannare l'interlocutore e convincerlo a credere a una menzogna. Dagli sconti imperdibili della catena di abbigliamento al pacco in attesa di essere ritirato, fino all'amico che chiede in prestito denaro e quello che chiede di inviare il codice da 6 cifre senza fare domande: da ciascuna di queste truffe si può rimanere al sicuro con le tre azioni elencate.

Le tre armi contro le truffe

Dopo aver ricevuto un messaggio sospetto l'importante è innanzitutto fermarsi, verificare che le opzioni della privacy dell'app siano impostate a proprio piacimento e che l'autenticazione a due fattori sia attiva a protezione del proprio profilo. A questo punto si può ragionare sulla comunicazione appena ricevuta: richieste oppure offerte di denaro, concorsi a premi e minacce di multe o bollette in arretrato vanno sempre considerati messaggi sospetti. Nei casi più incerti, una chiamata è quasi sempre quel che serve per controllare che la richiesta ricevuta sia legittima: se il mittente del messaggio si spaccia per un amico o un familiare preciso, richiamarlo al numero che si ha già in rubrica può fugare ogni dubbio, così come chiedergli qualcosa che uno sconosciuto non potrebbe sapere; nel caso di un'azienda invece si possono trovare i riferimenti online.

WhatsApp si può usare su più dispositivi contemporaneamente (in beta): ecco come funziona
WhatsApp si può usare su più dispositivi contemporaneamente (in beta): ecco come funziona
La novità di WhatsApp per entrare nelle videochiamate quando vuoi
La novità di WhatsApp per entrare nelle videochiamate quando vuoi
Il blackout di WhatsApp ha spinto 70 milioni di utenti su Telegram
Il blackout di WhatsApp ha spinto 70 milioni di utenti su Telegram
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni