274 CONDIVISIONI
5 Maggio 2021
17:16

“La mia carta di credito è scaduta, posso usare la tua?”: questo messaggio WhatsApp è una truffa

L’ultima truffa che sta circolando sulla piattaforma di messaggistica istantanea chiede alle vittime di spedire il numero della loro carta di credito. Il mittente però figura come un amico già memorizzato in rubrica e rischia di ottenere esattamente ciò che sta cercando. Ecco come funziona il raggiro e come proteggersi.
A cura di Lorenzo Longhitano
274 CONDIVISIONI

Un messaggio da WhatsApp che proviene da un amico: la sua carta di credito è scaduta, gliene serve una attiva. E poi la richiesta di lasciargli il proprio numero di carta in cambio di un bonifico. È l'ultima truffa che sta circolando su WhatsApp e sulla quale hanno puntato i riflettori gli uomini della questura di Brescia, attraverso un post pubblicato su Facebook in questi giorni. Il raggiro si presenta in modo semplice, ma risulta tremendamente efficace per via di un aspetto specifico: i messaggi truffaldini arrivano proprio dal numero di telefono di amici e parenti delle vittime, convincendoli in molti casi a credere alla legittimità delle richieste di aiuto.

La prima parte del raggiro

Nel messaggio pubblicato su Facebook, il team social della questura di Brescia specifica come il raggiro nasca da un processo precedente nel quale "i truffatori hackerano un account vero". Il riferimento è a un altro tipo di truffa che da anni si aggira sul social, ovvero la truffa del codice: questo raggiro si diffonde ciclicamente su WhatsApp e permette agli autori di impossessarsi di account, estromettendo i legittimi proprietari. Una volta che i truffatori hanno accesso al profilo WhatsApp delle loro vittime intermedie, possono utilizzare questi numeri di telefono per farli fruttare contattando i numeri in rubrica per tentare di ingannarli.

Le vittime contattate

Per la truffa dell'acquisto con carta su WhatsApp i truffatori partono proprio da questa risorsa: l'elenco dei numeri di telefono segnati come contatti nella rubrica degli account appena violati. I numeri ottenuti vengono contattati con un messaggio iniziale sempre simile, ovvero "Ho bisogno di un favore". La vittima riceve questo messaggio e lo vede provenire da un numero già memorizzato sul suo telefono – che si tratti di un vecchio amico, un collega o un parente stretto. A questo punto, chi risponde si vede tratto nel mezzo della truffa con un altro messaggio: "Ho comprato da internet, ma la mia carta di credito è scaduta. Posso usare la tua e ti faccio un bonifico?".

Come proteggersi

La richiesta rivela immediatamente cosa possa succede a chi acconsente: il numero di carta di credito spedito via WhatsApp viene utilizzato dagli autori del raggiro per acquisti di vario genere, il cui importo ovviamente non viene restituito. Il segreto della truffa è proprio il fatto che chi vi cade crede di avere a che fare con un amico, e non con un truffatore. Fortunatamente evitare di cadere in questo raggiro non è difficile: ricevendo messaggi di questo genere, basta telefonare al contatto in questione e chiedere delucidazioni, evitando il circuito WhatsApp.

274 CONDIVISIONI
Hai ricevuto il Green Pass su WhatsApp? Fai attenzione, è una truffa
Hai ricevuto il Green Pass su WhatsApp? Fai attenzione, è una truffa
Stop alle truffe telefoniche che prosciugano il credito: arriva il blocco dei VAS
Stop alle truffe telefoniche che prosciugano il credito: arriva il blocco dei VAS
Non rispondere al messaggio che ti chiede di investire denaro in Amazon: è una truffa
Non rispondere al messaggio che ti chiede di investire denaro in Amazon: è una truffa
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni