Dagli spalti virtuali a quelli reali. I suoni del popolare videogioco calcistico FIFA finiranno per caratterizzare le partite (reali) della Premier League, la cui ripartenza è prevista per le prossime settimane. Quando le squadre torneranno a calcare l'erba degli stadi, però, lo faranno senza pubblico: a causa delle necessarie misure di sicurezza, gli stadi non potranno accogliere i tifosi e quindi le partite saranno giocate senza pubblico. E senza tifo. Per questo Sky sta lavorando con EA Sports, lo sviluppatore di FIFA, per ricreare una tifoseria virtuale da inserire all'interno delle partite.

L'obiettivo è quello di replicare "l'atmosfera vibrante degli scontri della Premier League" ha spiegato Sky. Un elemento che, almeno inizialmente, mancherà alle sfide sportive proprio per la necessità di mantenere il distanziamento sociale che quindi impone l'impossibilità di far accedere un pubblico così ampio all'interno degli stadi e dei palazzetti sportivi. Una situazione che modificherà anche la visione delle partite da casa, dove i rumori da stadio venivano trasmessi insieme a quelli della partita. Grande attenzione, per esempio, viene messa nel trasmettere il suono dei colpi dati al pallone.

Una possibile soluzione è appunto quella di ricreare virtualmente i cori da stadio, affidandosi alla competenza di chi lo ha fatto per decenni: in FIFA la tifoseria è infatti realizzata a tavolino per garantire un senso di realismo durante i match virtuali. L'idea è anche quella di rendere questi suoni interattivi: gli utenti potranno guardare le partite online in stanze virtuali da creare con gli amici, avendo poi la possibilità di influenzare i rumori della tifoseria trasmessi da Sky. Le prime partite dovrebbero avere inizio il prossimo 17 giugno, almeno per quanto riguarda la Premier League.