Una passione per gli animali sembra accomunare tutte le nuove console Microsoft, che durante i mesi di sviluppo – così come la maggior parte dei prodotti in commercio – sono caratterizzate da un nome in codice utilizzato dai dipendenti. L'Xbox originale veniva chiamata "Durango", mentre l'Xbox One X aveva come nome in codice l'ormai famoso "Scorpio". La prossima versione della console di Microsoft, invece, viene chiamata "Anaconda". Nulla a che vedere con la hit di Nicki Minaj, ovviamente, ma solo una chiara passione per i rettili. Secondo il sito Windows Central, Microsoft si starebbe preparando a lanciare due console nel 2020.

Il tutto è attualmente in fase di sviluppo sotto il nome in codice – dev'essere una passione – "Scarlett", che indicherebbe proprio la nuova famiglia di console che, a quanto pare, vedranno la luce durante il periodo natalizio del 2020. Sotto questo cappello Microsoft sta sviluppando due proposte differenti per continuare sulla strada tracciata dalle sue console attualmente sul mercato: una proposta di base "S" e una potenziata "X". La prima è attualmente in fase di sviluppo sotto il nome in codice "Lockhart", mentre la versione potenziata è quella che oggi viene chiamata "Anaconda".

L'idea dell'azienda di Redmond è quindi ancora quella di approcciare il mercato con una console di punta accompagnata da una versione più economica ma che non costringa gli utenti a scendere a compromessi in termini di titoli giocabili: entrambe le console garantiranno l'accesso al parco titoli completo e, pare, saranno retrocompatibili con i giochi Xbox, Xbox 360 e One. Quello del 2020, però, non sarà l'unico lancio in arrivo. Secondo le indiscrezioni, nel 2019 Microsoft lancerà una versione dell'Xbox One S compatta e senza il vano per i dischi, consentendo agli utenti interessati di abbracciare una fruizione esclusivamente digitale dei giochi. Infine, l'azienda punterà molto sul servizio di streaming xCloud, che consentirà ai giocatori di giocare ai titoli in streaming e senza scaricare nulla.