I meme più famosi del web: storia e curiosità
2 Aprile 2021
13:52

La storia di Stonks, il meme azionario che ora è una skin di Fortnite

Oggi è uno dei meme più utilizzati sul web, ma la sua prima apparizione risale addirittura al 2017. Ecco chi è il protagonista e come si è evoluto il meme dagli anni della sua origine fino ad oggi, quando lo sviluppatore Epic Games l’ha aggiunto al suo gioco più celebre: lo sparatutto online Fortnite.
A cura di Lorenzo Longhitano
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
I meme più famosi del web: storia e curiosità

Qualcuno sta vantandosi a sproposito delle sue scelte economiche? È l'occasione perfetta per commentare con il meme Stonks. Il meme azionario che prende ironicamente in giro chi pensa di saperla lunga in ambito economico (e non solo) è uno dei più utilizzati nell'ultimo periodo, ma la sua origine non è esattamente recente. Stando alle ricostruzioni dei filologi digitali di Know Your Meme il suo primo utilizzo risale addirittura al 2017, all'interno della pagina Facebook che ha dato vita al personaggio protagonista, ovvero Meme man. Ecco cosa vuol dire e com'è nato.

Cosa vuol dire Stonks

Stonks è un meme ben riconoscibile: in primo piano si staglia una figura umana riprodotta in 3D, dallo sguardo non particolarmente brillante e soprattutto dalle fattezze abbozzate e inquietanti. Sullo sfondo si estendono titoli di borsa e una linea arancione in ascesa che rappresenta un trend azionario positivo, mentre a occupare la maggior parte dell'immagine campeggia la scritta "stonks". Il termine è una storpiatura volontaria del termine stocks, ovvero azioni in borsa; insieme all'aspetto del protagonista contribuisce a veicolare negli spettatori l'idea che — tutto sommato — le azioni in salita rappresentino solo l'apparenza di un quadro che in realtà prospetta altro.

Le origini del meme Stonks

Il protagonista di Stonks ha un nome preciso: si chiama Meme man, ed è nato nel lontano 2014 come mascotte di Special Meme Fresh, una pagina Facebook tematica molto seguita. Stonks in questo senso non è che uno dei meme nati su quella pagina, ma che in virtù del suo successo ha iniziato a vivere di vita propria. Dopo il successo su Facebook, il meme è girato su Reddit, YouTube e Imgur, tre note piattaforme dove questi contenuti si diffondono, contaminandosi e ibridandosi con i contributi dei relativi utenti. Proprio Reddit è stata una delle piattaforme dove i meme Stonks di maggior successo hanno contribuito a diffondere l'opera in tutta Internet.

L'evoluzione e la diffusione

Originariamente il meme è stato per lo più utilizzato per deridere investitori amatoriali e decisioni fallimentari in ambito economico, ma con la sua diffusione era inevitabile che gli utilizzatori lo facessero loro riadattandolo ad altri contesti e perfino ribaltandone il significato. Oggi non manca chi utilizza Stonks per commentare situazioni quotidiane in cui la vittima del meme pensa genericamente saperla più lunga degli altri, ma neanche chi utilizza l'immagine per commentare prodezze economiche autentiche, come investimenti andati a buon fine. In altri casi il meme si è evoluto per legarsi ad altri, o si è esteso a pseudo-esperti in altri ambiti, come quello medico o tecnologico.

L'approdo in Fortnite

A testimonianza del successo del meme Stonks c'è il suo arrivo recente all'interno di un caposaldo della cultura digitale, ovvero lo sparatutto online Fortnite: lo sviluppatore Epic Games ha infatti appena annunciato una nuova skin per i personaggi del gioco, che permette di vestire i panni ufficiosi di Meme Man. Il costume costa 1.200 V-Bucks e in realtà si Chiama Diamond Hanz, ma le fattezze e l'abito sono gli stessi di quelli del "tizio degli Stonks"; lo stesso tweet di annuncio del canale ufficiale di Fortnite è un palese richiamo al meme.

Perché il "nero di WhatsApp" è un meme razzista
Perché il "nero di WhatsApp" è un meme razzista
La storia di Good Guy Greg, il meme dedicato alle persone buone
La storia di Good Guy Greg, il meme dedicato alle persone buone
La storia di "Ok Boomer", il meme simbolo di un grande conflitto generazionale
La storia di "Ok Boomer", il meme simbolo di un grande conflitto generazionale
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni