Opinioni
11 Luglio 2020
08:51

“Le notifiche potrebbero non essere supportate da Immuni”: perché continui a ricevere questo avviso

Nel corso delle ultime settimane in molti hanno continuato a ricevere una notifica sull’iPhone che sembra indicare il fatto che Immuni non stia funzionando. Ma perché iOS continua a mandarla anche se l’app del Governo è selezionata e funzionante a livello nazionale?
A cura di Marco Paretti

Nel corso delle ultime settimane, anche in seguito al rilascio di Immuni in tutta Italia, un grande numero di utenti iPhone ha continuato a ricevere una notifica dal sistema operativo che sembra indicare il fatto che Immuni non stia funzionando. "Zona notifiche di esposizione modificata" si legge nel testo del box che ormai appare spesso su tutti gli iPhone. "Le notifiche di esposizione al Covid-19 potrebbero non essere supportate da Immuni in questa zona. Devi confermare l'app che stai utilizzando da impostazioni". Ma perché iOS continua a mandarlo anche se l'app del Governo è selezionata e funzionante a livello nazionale?

Il motivo è semplice: si tratta di un bug del sistema della mela, un problema tecnico che peraltro caratterizza tutti i paesi e non solo l'Italia. Anche in Germania, per esempio, la notifica sta raggiungendo ripetutamente gli utenti dell'app di tracciamento. "Sarà sistemato entro luglio con una nuova versione del sistema operativo" ha spiegato a Mashable Paolo de Rosa, Chief Technology Officer del dipartimento del ministero per l'innovazione tecnologica e la digitalizzazione. "Non inficia comunque il funzionamento dell’app".

Insomma, l'app sta continuando a funzionare nonostante questa notifica, che comunque sarà eliminata con un imminente aggiornamento del sistema operativo della mela. La notifica non è peraltro legata a un eventuale spostamento fuori dalla provincia indicata al momento della registrazione di Immuni: come spiega De Rosa, non è strettamente necessario modificare questo dato nel momento in cui ci si sposta. "Dipende dalla durata del viaggio, se faccio un viaggio di lavoro in giornata no perché l'informazione rilevante è dove vengo curato se vengo trovato positivo al Covid-19" ha spiegato. "Se mi sposto per lunghi periodi e ho assistenza sanitaria nel luogo in cui mi sposto conviene cambiarla".

Giornalista dal 2002 specializzato in nuove tecnologie, intrattenimento digitale e social media, con esperienze nella cronaca, nella produzione cinematografica e nella conduzione radiofonica. Caposervizio Innovazione di Fanpage.it.
"Le notifiche di esposizione al Covid-19 non sono più supportate": cos'è l'avviso apparso su iPhone
Immuni scaricata da 4,3 milioni di persone, Pisano:
Immuni scaricata da 4,3 milioni di persone, Pisano: "46 positivi hanno inviato la notifica"
"I tempi di consegna potrebbero essere più lunghi": Amazon avvisa gli utenti di probabili ritardi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni