Samsung ha presentato profitti record per tutte le trimestrali dello scorso anno, dimostrando che i suoi Galaxy S8 e Note 8 sono riusciti a convincere gli utenti. Negli ultimi tre mesi, però, questa scia di record si è interrotta: al termine del secondo trimestre del 2018, l'azienda sudcoreana ha annunciato 13,2 miliardi di profitti su 51,8 miliardi di dollari in ricavi, cioè un declino dello 0,7 percento nelle vendite e un incremento dell'11 percento nei profitti rispetto allo scorso anno. Il trimestre precedente, Samsung aveva annunciato i suoi risultati migliori di sempre.

Secondo gli analisti, gli ultimi risultati dell'azienda asiatica sarebbero stati causati dalle scarse vendite del Galaxy S9 che, a differenza del modello precedente – che però poteva contare sull'effetto novità -, hanno deluso le aspettative. Anzi, l'ultimo top di gamma di Samsung si è rivelato essere quello meno performante in termini di vendite dal Galaxy S3. Nel 2018 le vendite stimate del Galaxy S9 sono circa 31 milioni. Tutta un'altra storia rispetto al 2016, quando il Galaxy S7 si è rivelato essere il più grande successo di Samsung con circa 50 milioni di unità vendute.

La situazione di Samsung potrebbe migliorare verso la fine dell'anno – anche grazie all'annuncio del nuovo Galaxy Note 9 – ma l'azienda dovrà comunque fare i conti con un ulteriore elemento avverso: le vendite dei pannelli OLED subiranno un calo. Apple starebbe infatti programmando il lancio di un nuovo iPhone da 6,1 pollici con display LCD e avrebbe chiuso un accordo con LG per la produzione di alcuni pannelli OLED. Una mossa che porterebbe Samsung a vendere meno display al concorrente e la costringerebbe a rinunciare ad un prezzo maggiorato che l'esclusività gli consentiva di applicare alla produzione dei display per la mela.