20 Maggio 2021
08:25

L’inventore di TikTok si è dimesso da presidente di ByteDance: “Non sono adatto”

Il trentottenne miliardario Zhang Yiming, ha deciso di rinunciare al suo ruolo di numero uno per lasciare il testimone a un altro dipendente dell’azienda. L’addio ai vertici di ByteDance è stato motivato in una comunicazione destinata ai dipendenti nella quale cita una sua scarsa propensione al ruolo.
A cura di Lorenzo Longhitano

Potrebbe essere la vigilia di una nuova era per TikTok e in generale per l'azienda che gestisce l'app, ByteDance. Il co-fondatore del colosso cinese, il trentottenne miliardario Zhang Yiming, ha infatti deciso di rinunciare al suo ruolo di numero uno per lasciare il testimone a un altro dipendente dell'azienda. La notizia è di poche ore fa: l'ha riportata l'agenzia Reuters, riferendo il contenuto di una comunicazione interna rivolta da Zhang agli impiegati del gruppo nella quale vengono spiegate le ragioni dietro alla sua decisione.

Le motivazioni di Zhang

Stando agli stralci dell'email inviata ai dipendenti, l'addio di Zhang ai vertici di ByteDance è motivato da una sua scarsa propensione al ruolo. "La verità è che mi mancano alcune delle caratteristiche ideali per un manager" – si legge nel documento. "Mi interessa di più analizzare principi di marketing e di organizzazione, e sfruttare questi principi per rendere più efficiente il lavoro di gestione; gestire le persone mi interessa molto meno. E allo stesso modo mi ritengo una persona poco sociale, preferisco attività solitarie come navigare online, ascoltare le musica, leggere e contemplare possibilità".

Le ipotesi degli osservatori

D'altro canto non manca chi pensa che le dimissioni di Zhang abbiano altre motivazioni. Durante i mesi dell'amministrazione Trump, TikTok si è trovata al centro di aspre critiche da parte del governo statunitense: ai gestori era stato imposto di riorganizzarne le attività statunitensi cedendone parte del controllo a un'azienda locale, mentre lo stesso Zhang era stato definito dal dipartimento della giustizia come un sostanziale portavoce del governo cinese. Lasciare il comando della casa di sviluppo che realizza e gestisce TikTok potrebbe essere un modo per distanziarla da Pechino agli occhi del mondo.

Il nuovo CEO di ByteDance

ByteDance ovviamente non è solo TikTok: fondato nel 2012, il gruppo ha dato vita negli anni a numerosi prodotti ora defunti ma anche a piattaforme ancora in vita come l'aggregatore di notizie Toutiao. Nel 2015 è stata la volta di Douyin, che per il mercato globale è stata rinominata TikTok e che pochi anni dopo si è fusa con l'app statunitense Musical.ly, diventando il fenomeno di massa che è oggi. Le attività del gruppo sono valse a Zhang – secondo le stime di Bloomberg – un patrimonio di 44 miliardi e mezzo di dollari, ma il lavoro di Zhang nella sua azienda non è finito. Stando a quanto riferito da lui stesso, l'ex CEO lavorerà fianco a fianco con il nuovo numero uno già designato: l'attuale capo delle risorse umane Liang Rubo.

Novità anche per TikTok

La decisione di Zhang segue di poche settimane l'annuncio di altri cambiamenti, questa volta ai vertici proprio dell'app di intrattenimento TikTok. A capo della piattaforma si è infatti insediato il numero uno delle operazioni finanziarie di ByteDance, Shou Zi Chew, mentre Vanessa Pappas, numero uno ad interim dopo il forfeit a tempo record dell'ex Disney Mayers, ha assunto il ruolo di COO. La mossa è stata annunciata come un modo per sostenere la crescita dell'azienda: per capire come questo si tradurrà nei fatti, occorrerà attendere.

Cos'è la Bugs Bunny challenge di TikTok (che è meno innocente di quello che sembra)
Cos'è la Bugs Bunny challenge di TikTok (che è meno innocente di quello che sembra)
Su TikTok l'informazione viene censurata, ma la disinformazione no
Su TikTok l'informazione viene censurata, ma la disinformazione no
Scandalo Activision Blizzard: il presidente J. Allen Brack si è dimesso
Scandalo Activision Blizzard: il presidente J. Allen Brack si è dimesso
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni